bambino ucciso madre demoni
“I demoni mi hanno detto di fare così”, parla la madre del bambino ucciso – FOTO: screenshot

Una mamma colpevole per la morte del suo figlioletto. Il bambino ucciso dietro ad una giustificazione assurda: “Dei demoni mi hanno detto di fare così”.

Il caso inerente un bambino ucciso ha sconvolto gli Stati Uniti. E questo perché a peggiorare il tutto contribuisce il fatto che ad ammazzare il piccolo è stata la sua stessa madre. La donna, la 30enne Tisha Sanchez, ha soffocato il povero Joevani Antonio Delapen con un cuscino. Il fatto si è verificato nello stato americano del Texas. L’infanticida ha subito avvertito le forze dell’ordine contattandole telefonicamente, ma non ha ammesso di essere stata lei a compiere questo orrore. Alla polizia ha dichiarato di aver trovato suo figlio privo di sensi. Purtroppo per lei però, una autopsia disposta il prima possibile dalle autorità ha fatto si che gli investigatori scoprissero come sono andate davvero le cose. Il decesso è sopraggiunto per soffocamento, con il bambino ucciso da qualcuno e non da cause naturali. E quel qualcuno era la sua mamma.

LEGGI ANCHE –> Bambina morta, aveva soli 8 mesi. Arrestato il papà, scusa assurda per spiegare i lividi

Bambino ucciso, la madre: “Me l’hanno detto i demoni”

La donna, messa alle strette, ha confessato tutto ammettendo le proprie responsabilità. Ma si è difesa dicendo di avere agito così su preciso ordine ricevuto nella sua testa da parte “dei demoni”. Con tutta probabilità verrà disposta una perizia psichiatrica sulla donna, ma sulle prime c’è chi crede che si tratti soltanto di un trucco per evitare una pesante condanna e magari anche la pena di morte. Il Texas è lo stato più severo di tutti in tal senso. Tra tutti i 37 governi statunitensi che ammettono la pena di morte, proprio quello texano si dimostra il più propenso ad uccidere i colpevoli di crimini gravi. E tra questi figurano anche gli omicidi relativi a bambini fino ad un massimo di 6 anni. Il fatto che il povero bambino ucciso ne avesse 8 non mette automaticamente al riparo la mamma colpevole. La quale deve rispondere anche dell’accusa a resistenza a pubblico ufficiale.

LEGGI ANCHE –> Truffa dello specchietto, ma non solo: ora attenti alla donna senza mutande