Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi e Marquez, ad Assen 2015 partì la guerra (VIDEO)

Il 27 giugno 2015 rappresenterà per sempre uno spartiacque nella storia moderna della MotoGP. Quello è infatti il giorno in cui il rapporto tra Valentino Rossi e Marc Marquez, probabilmente già logoro da qualche situazione precedente, si spezza definitivamente.

Chi guarda la MotoGP solo da pochi anni è, infatti, abituato a vedere Rossi e Marquez come due fazioni contrastanti, come una sorta di infinita dicotomia senza soluzione di convergenza. In realtà tra i due, prima di quel giorno, c’era un rapporto a dir poco amichevole.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Una rivalità esplosa d’improvviso

Valentino Rossi vedeva nel giovane spagnolo il piccolo ragazzino che un giorno avrebbe raccolto la sua eredità e lo stesso Marquez vedeva nel Dottore un mito da raggiungere su quel piedistallo dove l’aveva messo mentalmente sin da bambino.

Proprio ad Assen, dove si correrà domenica, si consumò il fattaccio circa 4 anni fa. I due sono in corsa per la vittoria in una situazione molto simile a quella vista tra Petrucci e Rossi nel 2017. All’ultima curva Marquez si butta in uno spazio che non c’è, i due si toccano e il Dottore va largo tagliando la chicane e di fatto vincendo.

I commissari a fine gara non prendono provvedimenti e il successo viene confermato a Valentino Rossi per la rabbia di Marquez che a fine GP dichiara: “Io ho fatto l’ultima curva per intero, lui l’ha tagliata, per me ho vinto io”. Dall’altro lato il 46 incassa e risponde: “Non so cosa avrei dovuto fare, lui mi ha spinto fuori pista”.

I sorrisi lasciano lentamente spazio alle smorfie di rancore con i due che da quel momento cominciano a guardarsi in cagnesco. Un semplice episodio di gara si trasforma così come la valvola di sfogo di una rivalità covata a lungo tra i due più grandi campioni che la MotoGP ci ha regalato in questo ultimo ventennio.

Leggi anche -> GP Assen, per Valentino Rossi un’occasione d’oro che non tornerà più

Antonio Russo