Tamponamento
photo Facile.it

Tamponamento di una vettura in sosta? Come si comportano gli italiani

Tamponare una vettura in sosta in assenza del proprietario dell’auto è un fenomeno che accade di frequente. Ma come si comportano gli italiani al volante una volta fatto il danno?

La risposta è stata data da un’indagine condotta da Facile.it, secondo cui 1,3 milioni di automobilisti (il 16,5) che si sono trovati in questa situazione sono fuggiti via, senza prendersi la responsabilità di quanto fatto e senza lasciare alcun contatto. Una cattiva abitudine che interessa soprattutto gli automobilisti di genere maschile, mentre le donne si dimostrano notevolmente più oneste. Prendendo in esame le fasce d’età, invece, i furbetti sono quelli tra i 25 e 34 anni, mentre i più onesti sono quelli tra i 65 e i 74 anni.

Ma cosa spinge gli automobilisti ad adottare questo comportamento? Il motivo più indicato è la convinzione di aver causato un danno piuttosto minimo, “seguita dalla paura di dover sostenere delle spese troppo alte per le proprie tasche. Terzo e quarto posto per due giustificazioni che lasciano perlomeno perplessi; “nessuno mi ha visto” e, anche, perché “tanto nessuno mette mai bigliettini”.

Come si comporta la RC auto in questi casi?

Se l’automobilista che ha causato il sinistro lascia i propri recapiti, il proprietario del veicolo danneggiato può fare una normale constatazione amichevole e chiedere il rimborso dei danni subiti alla compagnia assicurativa della controparte. Se invece chi causa il danno scappa non è possibile avere nessun rimborso dalla polizza RC auto.

“È bene sapere che questo genere di danni non sono coperti dalla polizza RC auto obbligatoria – spiega Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it – ma richiedono una copertura aggiuntiva opzionale; quello contro gli Atti vandalici. Se l’assicurato ha tale garanzia accessoria, dopo aver sporto denuncia alle autorità potrà chiedere alla propria compagnia il rimborso del danno subito; in caso contrario, le spese di riparazione saranno interamente a suo carico”.

Bisogna tenere presente che l’assicurazione contro gli Atti vandalici non copre tutte le tipologie di danno subito; ci sono alcune componenti dell’automobile, come il parabrezza, i finestrini e il lunotto posteriore, che richiedono un’ulteriore copertura aggiuntiva, in assenza della quale il danno causato da terzi non verrà rimborsato.