Salame
Salame (Getty Images)

Ritirato un lotto di salametto classico e salame mignon prodotti dal Salumificio Aliprandi per la presenza di Listeria monocytogenes. A rendere noto l’allarme sono stati Auchan e Simply.

Nuovo allarme in merito a prodotti alimentari ritirati dal mercato per la possibile presenza di sostanze nocive per la salute. In questo caso ad essere ritirato, secondo quanto riportato dalla redazione de ilfattoalimentare.it, è un salametto classico e salame mignon prodotti dal Salumificio Aliprandi. Nello specifico il richiamo riguarderebbe un lotto di questi prodotti all’interno del quale è stata riscontrata la presenza di Listeria.

Ritirato un lotto di salame dagli scaffali: rintracciata la presenza di Listeria

Le catene di supermercati Auchan e Simply hanno diffuso un avviso in merito al ritiro di alcuni prodotti alimentari i cui controlli hanno segnalato la presenza di Listeria. Nello specifico si tratta di un lotto di salametto classico e salame mignon prodotti dal Salumifico Aliprandi Spa, nello stabilimento di via Madolossa 25 a Gussago, in provincia di Brescia, venduti in confezioni microforate da 220 grammi circa. Il lotto è contraddistinto dal numero L190007741 e al suo interno, secondo quanto riportato dalla redazione de ilfattoalimentare.it, dopo i controlli del caso, è stata riscontrata la presenza di Listeria monocytogenes (quantificata in <10 ufc/g). La Listeria è un batterio che può trovarsi principalmente nei cibi e che attacca il sistema immunitario provocando un’infezione conosciuta come listeriosi. Quest’ultima in alcuni casi può rivelarsi fatale soprattutto se contratta da soggetti deboli, come anziani o bambini. I rivenditori hanno raccomandato ai clienti di non consumare in nessun modo il prodotto e di riconsegnarlo al punto vendita in cui era stato acquistato, il quale provvederà a prenderlo in consegna con eventuale rimborso. Secondo quanto riportato dalla redazione de Il Giornale di Brescia è intervenuto sull’accaduto Luca Aliprandi, presidente del Salumificio Aliprandi, spiegando: “Abbiamo richiamato un lotto contenente listeria, con valori per di più al di sotto della soglia. Il prodotto è stato distrutto e sostituito. La nostra macchina di controllo ha dimostrato di funzionare. Non bisogna creare allarmismo, i nostri prodotti sono e sono sempre stati sicuri, sani e in regola”.

Leggi anche —> Trasloco “fai da te”: il curioso episodio in autostrada – FOTO