Dani Pedrosa
Getty Images

MotoGP, Dani Pedrosa commenta il momento difficile di Lorenzo

Una settimana fa Dani Pedrosa ha completato il primo giorno di test ufficiale per KTM dopo il suo lungo infortunio. Molto di ciò che l’ex pilota Honda ha testato o trasmesso a KTM come feedback non è stato reso pubblico. Ma Pedrosa ha parlato con “Catalunya Radio” a margine del weekend di gara sulla sua nuova vita da collaudatore.

“La cosa migliore di questa nuova vita è la pace”, dice lo spagnolo. “Il fatto di non dovermi preoccupare di ottenere tempi fuori pista, se piove dover allenarmi per due ore in bici e poi andare in palestra. Ora non importa più. Vado a letto solo alle due di notte, prima tutto era molto più sotto controllo”.

Il trentatreenne gode di questa nuova libertà. Ciò non significa che non si dedica con tutto se stesso al suo nuovo ruolo di collaudatore KTM: “Come tester, ho un lavoro diverso da quello nelle gare, cerco di stare aggiornato sui temi e i sentimenti dei piloti. Quindi so a cosa devo lavorare quando sono sulla moto”.

KTM conta molto sul suo lavoro di collaudatore e sui suggerimenti che può trasmettere dopo la sua lunghissima esperienza in sella alla Honda. “Posso dire che si deve lavorare molto e la squadra sta facendo un ottimo lavoro, soprattutto Pol, che spinge molto bene. E’ il terzo anno per KTM e non hanno l’esperienza necessaria, vogliono crescere con il mio contributo, ma l’infortunio mi ha costretto a fare una pausa, così quando mi sono ripreso un po’, sono andato in fabbrica per incontrare persone e vedere come lavorano… Ho molta esperienza con gli ingegneri giapponesi, ma ora devo adattarmi al lavoro con gli austriaci”, afferma il collaudatore della MotoGP . “I giapponesi devono testare tutto e non solo una persona decide, ci sono spesso molti ingegneri”.

Quando all’ex pilota Honda viene chiesto del momento difficile del suo sostituto in sella alla Honda, Dani Pedrosa rivolge parole di ottimismo: “Lorenzo troverà una via d’uscita… Marc è molto forte. Non conosco la Honda, non so se la moto è migliore o peggiore (rispetto all’anno precedente), ma ciò che diventa chiaro è che funziona per lui”.