Crolla un palazzo di sette piani: il bilancio è drammatico

0
518
Cambogia Palazzo crollato
Le macerie del palazzo crollato (foto dal web)

Il bilancio delle vittime del crollo del palazzo in costruzione a Sihanoukville (Cambogia) è salito a 24. Intanto la polizia locale ha arrestato quattro cittadini cinesi coinvolti nella costruzione.

Sale il bilancio delle vittime della tragedia consumatasi sabato 22 giugno in Cambogia, dove un palazzo è crollato causando la morte di 24 persone ed il ferimento di altrettante persone. Il tragico bilancio, purtroppo, da quanto si apprende, non sarebbe ancora definitivo e potrebbe aumentare nel corso delle prossime ore, dato che le operazioni di soccorso e ricerca da parte delle squadre non sono ancora terminate e sulla lista dei dispersi ci sarebbero altri nomi. Intanto la polizia cambogiana ha arrestato quattro cittadini cinesi, tra cui il proprietario dell’edificio.

Leggi anche —> Terribile schianto sulla regionale: spezzata la vita di due giovani ragazzi

Crollo palazzo in Cambogia: il bilancio delle vittime sale a 24, altrettanti i feriti

Sabato scorso, 22 giugno, un edificio in costruzione di sette piani a Sihanoukville, nel sud-ovest della Cambogia, è crollato causando una vera e propria strage. Il palazzo, che era stato completato circa all’80 per cento, ha ceduto improvvisamente travolgendo e schiacciando i diversi operai che stavano effettuando i lavori sullo stabile. A due giorni dalla tragedia il drammatico bilancio delle vittime e salito a 24 e ad altrettante quello delle persone rimaste ferite nel crollo, alcuni dei quali ancora ricoverati negli ospedali della zona. Le operazioni di ricerca da parte delle squadre di soccorritori sono ancora in corso anche se le speranze di ritrovare in vita le persone attualmente disperse si affievoliscono con il passare delle ore. Le autorità locali intanto, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Ansa, hanno arrestato quattro cittadini cinesi, tra cui il proprietario del terreno sul quale doveva sorgere il palazzo ed il proprietario dell’edificio. A Sihanoukville, località balneare diventata molto gettonata negli ultimi anni, oltre al palazzo teatro della strage, ci sono diversi progetti finanziati dalla Cina, tra cui decine di casinò già attivi. Adesso la polizia che sta indagando su quanto accaduto dovrà cercare di ricostruire le dinamiche dei fatti ed accertare eventuali responsabilità.

Leggi anche —> Tragedia a Mirabilandia: nuovi dettagli sulla morte del bambino di 4 anni