Tribunale: Ferrari 250 GTO “opera d’arte”, vietata ogni riproduzione

0
138
Ferrari 250 GTO
Getty Images

Tribunale: Ferrari 250 GTO “opera d’arte”, vietata ogni riproduzione

La Ferrari 250 Gto è un’opera d’arte. Per la prima volta viene riconosciuta la tutela del diritto d’autore a un’automobile e non a caso viene conferito ad una vettura della casa di Maranello.

Il Tribunale di Bologna, Sezione specializzata in materia di impresa, ha accolto un reclamo presentato dalla Ferrari per tutelare il design della vettura da un’imitazione. La spiccata personalizzazione delle linee, delle forme e degli elementi estetici hanno fatto della Ferrari 250 Gto un unicum nel suo genere, una vera e propria icona automobilistica. Il valore artistico del design viene attestato in numerosi premi e attestazioni ufficiali, pubblicazioni e nell’esposizione in mostre e musei anche come scultura. Il giudice ha inibito l’ulteriore diffusione del ‘rendering’, nonché la produzione, la commercializzazione e la promozione pubblicitaria del modello di autovettura contestato.

La Ferrari 250 Gto è l’auto più costosa di sempre. Uno dei 36 esemplari, realizzati negli anni Sessanta con la collaborazione del famoso carrozziere Sergio Scaglietti, è stato battuto all’asta un anno fa alla cifra di 48 milioni di dollari. Il tutto nasce dal tentativo di una società di Modena di realizzare una decina di rendering del valore di 1 milione di euro ciascuno. Ma la Ferrari si è rivolta al Tribunale che ha così emesso un’ordinanza che inibisce alla società specializzata in tuning di riprodurre la forma della 250GTO in rendering e in modelli di autovetture.