Selvaggia Lucarelli smentisce Marco Carta: svelato il contenuto di un’e-mail

0
716
Marco Carta Selvaggia Lucarelli
Selvaggia Lucarelli e Marco Carta

Marco Carta torna a far parlare di sé, a chiamarlo in causa è di nuovo la nota giornalista Selvaggia Lucarelli.

Marco Carta, fresco ancora dello scandalo alla Rinascente, è tornato sulle prime pagine dei giornali di gossip grazie ad una mini-inchiesta condotta da Selvaggia Lucarelli, nota giornalista e giudice di Ballando con le stelle, programma in onda su Rai1 condotto da Milly Carlucci. Marco Carta, secondo quanto rivelato dalla Lucarelli, avrebbe chiesto un cachet esorbitante per partecipare al Gay Pride di Modena.

Selvaggia Lucarelli “sbugiarda” Marco Carta: rivelato il contenuto di un’email

Selvaggia Lucarelli era già entrata in contatto con Marco Carta, a seguito del coinvolgimento di quest’ultimo nel caso del furto di sei magliette alla Rinascente di Milano. La nota giornalista aveva intervistato per Il Fatto Quotidiano il cantante, cercando di smentire la sua versione dei fatti e facendogli notare le numerose incongruenze nella ricostruzione che lui stava fornendo della vicenda. Selvaggia Lucarelli ha, inoltre, insinuato nei lettori il dubbio che questa della Rinascente avrebbe potuto essere l’ennesima trovata pubblicitaria, considerato che a pochi giorni dal fatto sarebbe uscito il nuovo disco di Carta. La Lucarelli ha, infatti, ricordato che l’anno scorso prima dell’uscita del suo disco, il cantante si era recato dalla D’Urso per fare coming-out. Delle coincidenze che non sono passate inosservate.

La giornalista ha deciso di interessarsi anche ad un’altra vicenda che ha visto coinvolto Marco Carta: quella dell’esorbitante cachet richiesto per prendere parte al Gay Pride di Modena. A “denunciare” il fatto, come riporta la redazione de Il Giornale, sarebbero stati gli stessi organizzatori, i quali hanno rivelato che il cantante aveva chiesto ben 8mila euro per presenziare all’evento. La smentita di Marco Carta è stata quasi istantanea: il cantante ha, infatti, dichiarato di non essere al corrente di questa richiesta e che ad occuparsi di tali aspetti è sempre stato il suo manager. Carta, dopo aver avuto modo di visionare l’email in cui si parlava del suo compenso, ha cercato di placare le indignate anime del web affermando che la cifra era nettamente inferiore. Ed è qui che si inserisce Selvaggia Lucarelli, la quale è riuscita ad entrare in possesso della comunicazione fra il manager di Carta e gli organizzatori del Pride, attraverso la pubblicazione della quale ha smentito le affermazioni del cantante. La giornalista ha fatto sapere che il cantante avrebbe chiesto 6.500 euro a cui devono aggiungersi l’IVA dovuta per legge ed il vitto e l’alloggio per l’artista, così da arrivare ad 8mila euro. Carta, pare non abbia replicato, ma ci ha tenuto a far sapere che parteciperà gratuitamente al Pride di Matera.