Ambulanza
Ambulanza (Getty Images)

Un ragazzo di 14 anni, probabilmente perché rimandato a scuola, di Napoli si è lanciato dal quarto piano di un palazzo nella zona di Porta Nolana. Il 14enne è stato ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

Dramma a Napoli nella tarda mattinata di ieri, quando un ragazzo di 14 anni si è lanciato nel vuoto dal quarto piano di un palazzo sito nella zona centrale del capoluogo campano di Porta Nolana. Il 14enne, dalle prime informazioni, avrebbe tentato di suicidarsi perché rimandato a scuola in tre materie. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno prestato le prime cure al ragazzo e lo hanno trasportato presso l’ospedale Antonio Cardarelli di Napoli, dove adesso si trova in gravi condizioni.

Napoli, 14enne rimandato a scuola si lancia dal quarto piano: “Il ragazzo adesso è vigile e lucido”

Rimandato a scuola in tre materie, questo potrebbe esserci alla base del gesto compiuto da un ragazzino di 14 anni che ieri ha provato a togliersi la vita a Napoli. Il ragazzo nella tarda mattinata di ieri, mentre il padre lo aspettava per accompagnarlo ad i corsi di recupero per i debiti scolastici, si è gettato dal quarto piano del palazzo in cui viveva con i genitori, nella zona centrale e popolare di Napoli di Porta Nolana, finendo nel cortile condominiale. Immediatamente sul posto, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione de La Repubblica, è giunto il personale medico del 118 che ha soccorso e trasportato in ambulanza il 14enne all’ospedale Antonio Cardarelli del capoluogo campano, dove è stato ricoverato in gravi condizioni. Il ragazzo nella caduta avrebbe riportato diverse fratture al bacino e alle vertebre e danni agli organi interni. Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ha commentato l’accaduto spiegando: “Dai vertici del Cardarelli -riporta Leggo.itè emerso che il ragazzo adesso è vigile e lucido. Sembra che il padre lo attendesse sotto casa per accompagnarlo a ripetizione. In quel momento lo studente avrebbe deciso di gettarsi. Giunto al Pronto Soccorso ha riferito ai sanitari le sue intenzioni di togliersi la vita. Sarà sottoposto -ha concluso Borrelli- a un secondo intervento chirurgico e ai servizi psichiatrici dell’Asl“.

Leggi anche —> Operaio perde la vita sul posto di lavoro: indignazione dei sindacati