Padre massacra la figlia di due anni, poi l’estremo gesto

0
78
duplice omicidio ostia rissa
Carabinieri (foto dal web)

Jacob Danho, 36 anni, di origini ivoriane, ha prima ucciso a coltellate la figlia di due anni e poi ha tentato il suicidio. Alla base del folle gesto, probabilmente, la separazione con la madre della piccola.

Una tragedia quella verificatasi a Cremona, in pieno centro, a due passi dal Tribunale. Un uomo di 36 anni Jacob Danho, ivoriano, ha ucciso a coltellate la figlia Gloria di soli due anni e poi ha provato a togliersi la vita. Alla base dell’insano gesto probabilmente la separazione giudiziale con la madre della piccola, la quale da tempo viveva in un’abitazione protetta, stante i rapporti tesissimi tra i due.

Uccide la figlia di due anni e poi tenta il suicidio: ricoverato in pericolo di vita

Ha ucciso a coltellate la figlia Gloria di due anni e poi ha tentato il suicidio, questo l’insano e folle gesto messo in atto da Jacob Danho, 36 anni. Il delitto si è consumato all’interno dell’abitazione di via Massarotti, in pieno centro a Cremona, dove l’uomo si era trasferito a seguito della separazione con la moglie, 34anni, anch’essa ivoriana. La donna era stata collocata in un’abitazione protetta in cui viveva con la figlia stante i rapporti tesissimi con l’ex marito.

Jacob Danho, nella giornata di ieri, era andato a prendere la figlia affinché potessero trascorrere del tempo insieme, ma invece si è verificata la tragedia. L’uomo, secondo quanto riportato da La Repubblica, avrebbe prima massacrato di coltellate la figlia e poi si sarebbe auto inferto dei colpi, di cui il più grave al ventre. Successivamente avrebbe chiamato prima il 118, dicendo di stare male, e poi la proprietaria dell’appartamento alla quale avrebbe riferito che i soccorsi stavano arrivando e che avrebbe dovuto aprire lei la porta dato che lui non era sicuro che ci sarebbe riuscito a causa delle ferite.

I medici del 118, giunti sul luogo, hanno rinvenuto il corpo senza vita della bambina e quello esanime di Danho accanto a lei. L’uomo è stato trasportato d’urgenza all’Ospedale Maggiore di Cremona, dove si trova attualmente ricoverato e piantonato dalle forze dell’ordine. Secondo una prima ricostruzione formulata dai carabinieri della Compagnia di Cremona guidati dal maggiore Rocco Papaleo, come riportato da il Giorno, l’uomo avrebbe ucciso la figlia ed avrebbe poi provato a togliersi la vita a seguito della separazione dalla moglie. Nella tarda serata di ieri sono proseguiti gli esami medico-legali all’interno dell’appartamento dell’uomo per cercare di carpire il maggior numero di notizie riguardanti la dinamica del delitto.

Leggi anche —> Tragedia a Mirabilandia: nuovi dettagli sulla morte del bambino di 4 anni