Lewis Hamilton (Getty Images)

F1 | Marko attacca la FIA: “Hamilton andava punito nelle libere 2”

Piccato come sempre, Helmut Marko non le ha mandate a dire e al termine della prima giornata di prove libere sul circuito francese del Paul Ricard ha manifestato tutto il proprio disappunto per la mancata penalizzazione di Lewis Hamilton.

Cosa è successo – L’ episodio contestato è occorso durante la sessione pomeridiana al Castellet e ha visto protagonisti Max Verstappen e appunto Ham. Dopo essere andato largo alla chicane tra le curve 4 e 5, l’inglese della Mercedes, nel tentativo di rientrare in pista non ha prestato attenzione e ha finito per tagliare la strada all’olandese della Red Bull che sopraggiungeva obbligandolo ad uscire dai confini del tracciato.

Leggi anche -> Anche Hamilton sbaglia e rischia grosso: ma per lui niente penalità

Un incidente del tutto simile a quello capitato due settimane fa in Canada tra il solito Ham e Sebastian Vettel, terminato con la penalizzazione di 5″ del ferrarista e con la vittoria del GP assegnata una volta tagliato il traguardo al britannico.

Conservando l’approccio tenuto a Montreal, Hamilton avrebbe dovuto essere punito. Magari in griglia”, ha affermato il talent scout degli energetici alla tv ORF. “E’ andato largo e poi ha cercato di tornare in traiettoria il più velocemente possibile. Io non incolpo lui, ma le regole sono quelle e se le seguissero in modo coerente, allora dovrebbe esserci una punizione“.

Il 75enne di Graz ha poi voluto evidenziare l’atteggiamento più signorile tenuto dal #33 rispetto a quanto fatto da 5 volte iridato al Gilles Villeneuve, quando ha immediatamente reclamato via radio un intervento della direzione corsa.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Max dava per scontato che non lo avesse visto, quindi anche se è andato largo, ma ha detto nulla. In fin dei conti siamo in F!”, ha punzecchiato sollecitando una revisione del sistema che applica il regolamento a piacere e quasi usando due pesi e due misure.

Chiara Rainis