Vettel può vincere il GP del Canada, ecco quando arriverà il verdetto

0
543
Sebastian Vettel
Vettel (Getty Images)

F1 | Vettel può vincere il GP del Canada, ecco quando arriverà il verdetto

Sebastian Vettel e la Ferrari attendono con ansia la decisione che potrebbe stravolgere nuovamente la classifica del GP del Canada. A Maranello hanno deciso di fare ricorso e hanno preparato diverse prove a sostegno della tesi portata avanti dal tedesco: e cioè che in quel frangente non poteva fare diversamente.

La Ferrari a supporto delle proprie teorie porterà all’esame dei commissari i rilevamenti GPS e la telemetria di Vettel, ma in particolare da Maranello vogliono sostenere la propria difesa con il fatto che Seb in quel frangente si trovasse molto più a sinistra rispetto alla normale traiettoria che di solito seguono i piloti in quel tratto di pista.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Poche speranze riposte sul ricorso

La decisione potrebbe arrivare domani. La FIA, infatti, attraverso un documento ufficiale ha così enunciato: “I commissari del Gran Premio del Canada 2019 chiedono che i rappresentanti delle squadre partecipino all’udienza che si terrà venerdì 21 giugno alle ore 14:15 nella Stewards Room F1 per ascoltare la richiesta della vettura numero 5 e della Scuderia Ferrari di rivedere la decisione contenuta nel documento 42 di quell’evento. La richiesta è stata presentata ai sensi dell’articolo 14 del Codice sportivo internazionale della FIA.

Leggi anche -> Si riapre il caso Vettel: ecco tutte le prove che scagionano il pilota Ferrari

Quindi bisognerà attendere la giornata di domani per capire qualcosa su questo controversa decisione. Le strade per la FIA sono 2: accogliere e valutare questo ricorso o respingere le prove Ferrari per inammissibilità. Ad oggi non c’è molta fiducia sul fatto che possa essere ribaltato il verdetto iniziale, ma nulla può essere dato per scontato e la speranza per Maranello è che i commissari prendano in esame questi nuovi elementi.

Antonio Russo