(websource)

Bentley non è un marchio che si preoccupa di elettrificazione.

Il motore W12 da 6,0 litri dell’azienda è un’icona, in grado di fornire una potenza flessibile in molte delle auto di lusso di alta gamma del marchio. Ma nemmeno Bentley può sfuggire alle attuali realtà e normative automobilistiche, e l’azienda non è stata tranquilla. Al Salone dell’auto di Ginevra dello scorso anno, Bentley ha svelato l’ibrido Bentayga. Ora, secondo un nuovo rapporto di ‘Car and Driver‘, l’azienda ha un calendario per i suoi piani elettrici, con il debutto del primo veicolo completamente elettrico dell’azienda nel 2025.

Insieme al suo primo veicolo elettrico, Bentley prevede di ibridare tutti i modelli della sua gamma: Continental GT, Flying Spur e Mulsanne. L’azienda probabilmente utilizzerà lo stesso turbocompressore 3.0 litri V6 nella Bentayga. Nel Bentayga, il motore elettrico-benzina produce 443 cavalli di potenza e 700 Newton-metri di coppia, spingendo il SUV da 0 a 100 km/h in 5,5 secondi fino a una velocità massima di 254 km/h. Inoltre, l’aumento di coppia aggiunto dalla batteria agli ioni di litio da 17,3 chilowattora si sentirà enormemente.

Car and Driver‘ ha parlato con Chris Craft, responsabile vendite e marketing di Bentley, di come una Bentley completamente elettrica si inserirà nel portafoglio del marchio. Secondo Craft, non solo i clienti di lusso sono più interessati alle auto elettriche, ma anche un veicolo di questo tipo sosterrebbe l’etica del lusso Bentley. La coppia istantanea dei motori elettrici renderebbe sublime l’accelerazione.

I veicoli elettrici sono ancora costosi da sviluppare e vendere, con molte case automobilistiche che lottano per realizzare enormi profitti dai veicoli alimentati a batteria. L’ibridazione e i veicoli elettrici a livello di lusso rendono molto più facile per le case automobilistiche recuperare i costi di ricerca e sviluppo, pur raccogliendo un sano profitto per ogni veicolo venduto. Bentley, un marchio noto per la sua eredità e le sue prodezze lussuose, sta immergendo le dita dei piedi nel mare dell’ibrido prima di tuffarsi nei veicoli elettrici.