MotoGP: strike da Mondiale, quando la caduta ti costa il titolo (VIDEO)

0
750
MotoGP - Rossi e Stoner
MotoGP – Rossi e Stoner (Getty Images)

MotoGP | strike da Mondiale, quando la caduta ti costa il titolo (VIDEO)

Lo scivolone di Jorge Lorenzo in Spagna potrebbe seriamente costare il titolo ad Andrea Dovizioso, che sin qui, proprio grazie allo zero nella voce cadute era riuscito a restare attaccato al treno Mondiale alle spalle di uno stratosferico Marc Marquez.

Non è la prima volta però che un pilota ha tirato giù un collega che era in piena lotta per il titolo. Uno dei casi più clamorosi che ricordiamo è sicuramente quello di Mick Doohan, che nel 1993 tirò giù Schwantz e Barros a Donington. A fine anno però il rider statunitense riuscì comunque a vincere il Mondiale grazie al grave infortunio rimediato a Santa Monica da parte di Rainey che mise fine alla sua carriera.

Un anno nero in tal senso però può essere considerato il 2006. Ad aprire le danze in quella stagione fu Valentino Rossi che tamponato nella prima gara a Jerez da parte di Toni Elias si ritrovò ultimo e chiuse 14°. Quell’incidente alla lunga pesò su quel Mondiale (il Dottore chiuse ad appena 5 lunghezze dal campione Hayden). Il rider spagnolo si scusò più volte con il 46.

Un’altra vittima di quella terribile annata però fu anche Loris Capirossi, che probabilmente quell’anno avrebbe potuto portare a casa il primo titolo in MotoGP per la Ducati. A Barcellona il compagno di squadra Gibernau, al via, diede vita ad un incidente a catena. Capirex fu tra i piloti che riportò le peggiore conseguenze. A causa di quell’infortunio, infatti, il rider italiano non solo si ritirò da quel GP, ma fu costretto a correre i successivi due tra lancinanti dolori.

Sempre in quella stagione Nicky Hayden, che era in lotta per il titolo con Rossi punto su punto mentre era alle spalle del Dottore ad Estoril fu tranciato dal proprio compagno di team Dani Pedrosa che lo buttò fuori dalla gara. Lo statunitense riuscì comunque a conquistare il Mondiale la gara successiva a causa di una scivolata del 46 durante l’ultimo GP.

Nel 2011, invece, a Jerez, fu la volta di Rossi buttare giù Casey Stoner che era in lotta per il titolo. L’australiano però a fine anno riuscì comunque a vincere il Mondiale. In quell’occasione il pilota della Honda pronunciò nei confronti del Dottore la famosa frase tratta dal film Blow: “La tua ambizione supera il tuo talento”.

Nel 2017 al GP d’Argentina, invece, la vittima fu Andrea Dovizioso che venne tirato giù da Aleix Espargaro. In quella stagione l’italiano senza quella caduta avrebbe potuto seriamente mettere maggiore pressione su Marc Marquez.

Infine nella passata stagione fu la volta di Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo spegnere i sogni per il titolo di Dovizioso. I due spagnoli si scontrarono tra loro a Jerez colpendo poi anche l’italiano che in quel momento era in lizza per il podio. Proprio quell’incidente diede la prima spallata sui desideri mondiali del Dovi.

Antonio Russo