Polizia
Polizia (foto dal web)

Altri quattro minori sono stati arrestati dalla polizia di Monza dopo i sei dello scorso aprile nell’ambito dell’operazione ‘Gta Monza’. I minori, che emulavano il famoso videogioco, sono accusati di gravissimi reati.

Se in molti si divertono e si dilettano ad emulare i propri beniamini sportivi c’è anche chi imita malviventi e personaggi violenti visti all’interno dei videogames. Questo è quanto faceva un gruppo composto da diversi ragazzini minorenni che emulando il noto videogioco Gta, acronimo di Grand Theft Auto, si sarebbero resi responsabili di diversi reati. La polizia di Monza ha per queste ragioni eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Milano nei confronti di altri quattro minori coinvolti in quella che è stata ribattezzata come operazione ‘Gta Monza’ che ad aprile aveva portato all’arresto di sei ragazzi.

Leggi anche —> Identificato il cadavere rinvenuto nel Po: è un ragazzo sospettato di omicidio

Gruppo di ragazzi emula il videogioco Gta: arrestati altri ragazzi dopo i sei dello scorso aprile

Altri quattro arresti dopo i sei effettuati lo scorso aprile dalla polizia di Monza nell’ambito dell’operazione ‘Gta Monza’. Gli agenti della polizia del comune lombardo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Milano nei confronti di altri quattro minori, tre trasferiti in carcere minorile ed uno in una comunità. Dalle indagini, coordinate dal pubblico ministero Carlo Cinque, è emerso che questi minori insieme ad altri, come riportato dalla redazione de La Repubblica, componevano quella che veniva definita la ‘Compagnia del centro’ o ‘Compagnia del ponte’, banda che si macchiava di diversi reati emulando le gesta del famoso videogame vietato ai minori di 18 anni Gta, acronimo di Grand Theft Auto. Gli arrestati dovranno, difatti, risponde a vario titolo di accuse gravissime: sei rapine aggravate, lesioni, furto, minacce gravi, rissa e spaccio di droga, reati commessi a Monza tra l’aprile dello scorso anno e febbraio del 2019. Uno degli episodi di violenza, come racconta La Repubblica, sarebbe anche stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza installate nel centro della città lombarda. Tra le vittime prese di mira dalla gang ci sarebbe anche un senzatetto.

Leggi anche —> Bambina in rianimazione per un’infezione da tetano: non era vaccinata