Danilo Petrucci
Getty Images

MotoGP, Danilo Petrucci: “Ad Assen qualcosa può cambiare”

Danilo Petrucci è arrivato terzo nel GP di Barcellona, ​​solo undicesimo nel test MotoGP di lunedì con un gap di 0,9 secondi dal best lap di Maverick Vinales. In gara ha salvato il week-end della Ducati dopo l’incidente accorso al compagno di team Andrea Dovizioso, procurandosi il terzo podio consecutivo che gli vale il rinnovo di contratto per il 2020.

Al termine del lunedì di test il pilota umbro ha chiuso in 11esima posizione, ma Petrux non è andato alla ricerca del crono, concentrandosi sui nuovi elementi apportati dai tecnici di Borgo Panigale. “Il test è stato piuttosto caldo, ma le condizioni della pista erano migliori rispetto al weekend di gara”, ha dichiarato il pilota della Ducati GP19. “Questo ci ha reso più bravi nei test e molto produttivi. Abbiamo avuto molte nuove parti e abbiamo sperimentato la geometria della mia Ducati. C’erano aggiornamenti sull’aerodinamica e sull’elettronica, quindi avevamo molto lavoro. Abbiamo scoperto qualcosa di molto interessante. Qualcosa può cambiare ad Assen, abbiamo una chiara idea che piò aiutarci. Anche con le parti che non funzionano in modo ottimale, abbiamo scoperto in quale direzione dobbiamo continuare a lavorare “.

Danilo Petrucci ha provato un nuovo cupolino aerodinamico e un nuovo copriserbatoio. “La risposta allo sterzo è stata migliorata, che attualmente è la nostra più grande debolezza. La Ducati ha una buona accelerazione ed è forte sui freni, nelle curve veloci ci manca qualcosa. L’ho visto in gara quando sono stato superato da Fabio Quartararo in una delle curve veloci. Ora possiamo avere un po’ più di velocità. Questa è solo una piccola cosa, ma per Assen questo ci porterà molto”.