Lite al parco finisce in tragedia: muore accoltellato ragazzo di 25 anni

0
211
Ambulanza
Ambulanza (Getty Images)

Un ragazzo di 25 anni è stato accoltellato ed ucciso in un parco di Veniano (Como) durante la festa di paese. L’assassino avrebbe confessato l’omicidio.

Tragedia durante la festa di paese a Veniano, piccolo comune di circa 3mila anime in provincia di Como. Un ragazzo di soli 25 anni è deceduto dopo essere stato accoltellato all’interno di un parco, probabilmente al culmine di una lite scoppiata per futili motivi. Sul posto, allarmati dai presenti, sono subito intervenuti i sanitari del 118 che hanno soccorso e trasportato il ragazzo in codice rosso in ospedale. Purtroppo, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita, il 25enne è deceduto poco dopo l’arrivo in ospedale. Subito dopo l’accaduto i carabinieri che stanno indagando sul caso hanno rintracciato ed arrestato un uomo di 47 anni che, durante l’interrogatorio con gli inquirenti, avrebbe confessato.

Una banale lite al parco finisce in tragedia: ragazzo di 25 anni accoltellato ed ucciso

Una banale lite è sfociata in tragedia ieri, domenica 16 giugno, a Veniano, in provincia di Como. Durante la festa di paese, in un parco lontano dai festeggiamenti un ragazzo di 25 anni, Hans Junior Krupe è morto dopo essere stato accoltellato. Il ragazzo, nato da genitori olandesi e residente nel paesino, è stato immediatamente soccorso dal personale medico del 118 giunto sul posto che lo ha trasportato d’urgenza presso l’ospedale Sant’Anna di Como, dove è deceduto poco dopo. La vittima sarebbe stata raggiunta, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione de Il Corriere della Sera, da una coltellata al fianco che gli sarebbe stata fatale. Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri di Cantù che hanno rintracciato poco dopo, grazie alle testimonianze e alle telecamere di sorveglianza, un uomo di 47 anni che durante l’interrogatorio ha confessato. Secondo quanto ricostruito sembrerebbe che il litigio culminato con l’omicidio del 25enne sia scoppiato per futili motivi: alcuni schizzi d’acqua finiti sui vestiti del 47enne, mentre il ragazzo beveva da una fontana. Ora il 47enne, ritrovato con i vestiti sporchi sangue ed in possesso di un coltello a serramanico anch’esso con tracce di sangue, è stato arrestato dai militari dell’Arma ed è accusato di omicidio e porto abusivo di arma bianca.

Leggi anche —> Camion che trasportava milioni di api si ribalta: è emergenza