Corpi carbonizzati a Torvaianica: il caso collegato ad un altro ritrovamento?

0
149
Corpi carbonizzati
Gli inquirenti sul luogo del ritrovamento dei due corpi carbonizzati a Torvaianica (foto dal web)

Il ritrovamento dei due corpi carbonizzati a Torvaianica venerdì scorso, potrebbe essere collegato con un altro rinvenimento fatto dagli inquirenti circa due settimane fa a pochi chilometri di distanza.

Oggi probabilmente si avranno delle risposte in merito al ritrovamento dei due cadaveri carbonizzati a Torvaianica, frazione di Pomezia in provincia di Roma. I medici legali oggi effettueranno l’autopsia sui cadaveri delle due vittime, Domenico Raco di 39 anni e Maria Corazza di 46, ritrovati senza vita carbonizzati all’interno della Ford Fiesta nelle campagne della frazione sul litorale romano venerdì scorso, 14 giugno. I due, amici di famiglia si erano incontrati venerdì mattina intorno alle 8:20, ma poco dopo sono stati ritrovati all’interno del veicolo dato alle fiamme dai vigili del fuoco avvertiti da un passante accortosi dell’incendio. Secondo quanto riportato dalla redazione di Leggo, quanto accaduto a Torvaianica potrebbe essere collegato, una volta esclusa la pista dell’omicidio suicidio, al ritrovamento del corpo carbonizzato di una donna a Trigoria lo scorso 3 giugno.

Cadaveri carbonizzati a Torvaianica: oggi l’autopsia sui due corpi

Tre corpi carbonizzati in poco più di dieci giorni a pochi chilometri di distanza. Lunedì 3 giugno è stato rinvenuto vicino dei cassonetti a Trigoria, il corpo senza vita di una donna bruciato, la stessa sorte è toccata a Domenico Raco di 39 anni e Maria Corazza di 46, rinvenuti all’interno dell’auto della donna venerdì scorso a Torvaianica, a poco più di 20 chilometri di distanza da Trigoria. Le piste su cui maggiormente si stanno concentrando gli inquirenti che indagano sul caso dei due amici di famiglia sul litorale romano sono quelle dell’omicidio suicidio e quella del duplice omicidio, ma secondo Leggo, escluse queste ipotesi si potrebbe pensare ad un collegamento dei due ritrovamenti. A fornire maggiori risposte saranno le autopsie che verranno effettuate sui cadaveri del 39enne e della 46enne oggi presso il reparto di medicina legale del Policlinico di Tor Vergata. Nei giorni scorsi il compagno di Maria Corazza è stato sentito dagli inquirenti ed ha fornito un alibi di ferro confermato da alcuni confermato da alcuni testimoni.

Leggi anche —> Corpi carbonizzati in un’auto: interrogato il marito della donna