duplice omicidio ostia rissa
Carabinieri (foto dal web)

Un carabiniere di 41 anni è morto travolto ed ucciso mentre effettuava un posto di blocco la notte scorsa a Terno d’Isola (Bergamo). Il responsabile, trovato alla guida ubriaco, è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale.

È morto svolgendo il proprio lavoro, in divisa ad un posto di blocco. Questo il tragico destino di Emanuele Ancini, appuntato dei carabinieri di 41 anni, che ieri è stato travolto e trascinato per 50 metri mentre effettuava dei controlli in via Padre Albisetti, a Terno d’Isola, comune in provincia di Bergamo. Secondo quanto accertato dalle forze dell’ordine, Ancini è stato travolto intorno alle 3 di notte da un 34enne che si trovava alla guida di un’auto in stato di ebbrezza. Il 34enne è stato arrestato dalla Polizia Stradale che si è occupata dei rilievi.

Leggi anche —> Tragedia sul porticciolo: donna disabile cade in acqua con la sedia a rotelle

Carabiniere morto investito ad un posto di blocco: il conducente dell’auto era ubriaco

Un appuntato dei carabinieri di 41 anni è morto investito durante un posto di blocco la scorsa notte a Terno d’Isola (Bergamo). Il militare, Emanuele Ancini, secondo quanto ricostruito e riportato dalla redazione de La Stampa, mentre effettuava dei controlli sulla strada in via Padre Albisetti è stato violentemente travolto da un’auto, un Audi A3, e trascinato per circa 50 metri sull’asfalto. Sul posto sono immediatamente intervenuti i sanitari del 118, chiamati dal collega che si trovava con Ancini, che non hanno potuto far nulla per il carabiniere morto sul colpo dopo il violento impatto che avrebbe anche mandato in frantumi il parabrezza del veicolo che lo ha travolto. Alla guida dell’Audi c’era un cuoco di 34 anni, Matteo Colombi, che dopo essersi allontanato dopo l’incidente è tornato sul posto ed è stato bloccato ed arrestato dagli agenti della Polizia Strada che si sono occupati dei rilievi. Dagli esami è emerso che il conducente era alla guida con un tasso alcolico molto più alto di quello consentito dalla legge. A Colombi, come riporta La Stampa, che sarà processato per direttissima con l’accusa di omicidio stradale, era stata già ritirata lo scorso anno la patente.

Leggi anche —> Corpi carbonizzati a Torvaianica: il caso collegato ad un altro ritrovamento?