MotoGP 19 (YouTube)
MotoGP 19 (YouTube)

MotoGP 19 | rivivi la sfida tra Rossi e Simoncelli (VIDEO)

Milestone prende sempre più confidenza con l’Unreal Engine 4 e offre agli utenti un gioco sempre più raffinato che mira al cuore degli appassionati. Tante le modalità offerte, in particolare la Carriera che sarà possibile giocare sia in maniera standard che in forma Pro.

Per quanto concerne l’eSport, invece, punto cruciale di questo nuovo titolo, l’infrastruttura rete sarà tutta basata su server Amazon che dovrebbero garantire basse latenze e grande stabilità.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rivivi l’emozione delle sfide storiche

Tra le novità più gradite però per i fan ci sono indubbiamente le sfide storiche divise in arie tematiche: Eroi della 500cc, Alba della MotoGP, Le Grandi Rivalità e Era Moderna. In particolare quest’ultima ci permetterà di mettere in pista sfide tra Marco Simoncelli e Valentino Rossi.

La carriera è piacevole e ci permette di partire dalla Red Bull Rookies Class sino ad arrivare alle vette della MotoGP. Tra le varie novità spicca anche l’ingresso tra le varie categorie in cui poter correre la MotoE.

Migliorata finalmente l’intelligenza artificiale, vero problema dei titoli precedenti. Da questo titolo, infatti, i piloti saranno dotati di una tecnologia basata sul machine learning che permetterà ai piloti controllati dal sistema di decidere autonomamente quale è la migliore decisione da prendere in determinate situazioni.

Naturalmente dal punto di vista dell’IA non si è toccata ancora la perfezione auspicata. I piloti, infatti, pur essendo migliorati sulla gestione delle staccate continuano a non sbagliare e ad essere sempre perfetti, cosa naturalmente innaturale.

Il titolo nel complesso è ben studiato anche se pecca ancora in alcune piccolezze che messe insieme non rendono questo gioco ancora al livello dei migliori racer sul mercato. Altra pecca resta il meteo non dinamico. Noi di Tuttomotoriweb.com abbiamo deciso di dargli un bel 7 con la speranza che dal prossimo titolo vengano corretti alcuni errori strutturali.

Antonio Russo