MotoGP: 16 anni fa il primo successo Ducati, la nascita di un mito

0
279
Loris Capirossi e Valentino Rossi
MotoGP – Loris Capirossi e Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | 16 anni fa il primo successo Ducati, la nascita di un mito

Le prime apparizioni di Ducati nel Motomondiale risalgono al 1956. Solo nel 2001 però Ducati Motor Holding s.p.a. decise di affidare alla propria struttura la progettazione di un propulsore V4 per partecipare al campionato MotoGP. Per il battesimo del primo Desmosedici si dovrà attendere però solo il 1° agosto 2002, quando sul circuito del Mugello nacque una leggenda rossa che ancora oggi emoziona tanti italiani.

Sono giorni frenetici e Ducati annuncia che nel 2003 sarà ai nastri di partenza in MotoGP con Loris Capirossi e Troy Bayliss in sella. C’è curiosità intorno ad una moto che promette una potenza mai vista nella storia del Motomondiale.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rossi che rimonta!

Pronti via al primo GP Capirex sale subito sul podio, mentre Bayliss chiude 5°, per Ducati è già un successo. Il 15 giugno del 2003, esattamente 16 anni fa, però il motore Desmosedici tocca il punto più alto della sua annata.

Sin dalle prove la Ducati appare velocissima. Valentino Rossi però che è all’ultima stagione in Honda appare imbattibile e firma la pole davanti proprio al connazionale Capirossi. Il mattino seguente un lampo rosso cambia d’improvviso la storia delle corse.

Poco dopo il via è lotta tra Rossi e Capirossi. Il rider di Tavullia però sbaglia due volte e finisce nella ghiaia, ritorna in pista ed è 6° ad appena 7 giri dalla fine. Il Dottore è pauroso, recupera su tutti gli altri e li supera, ma la Ducati è troppo lontana e deve arrendersi al 2° posto. Per Capirex arriva la prima vittoria in sella alla Rossa di Borgo Panigale.

Per il Mondiale bisognerà poi attendere il 2007 e Casey Stoner, ma quel giorno del 2003 la Ducati mise la prima pietra per una storia vincente in MotoGP. Una storia che emoziona e che ha resto la Rossa una delle moto più ambite del Motomondiale.

Antonio Russo