Uomo assolda killer per far uccidere la ex moglie ed il suo avvocato

0
79
Polizia
Polizia (Getty Images)

Assolda un killer che avrebbe dovuto uccidere la ex moglie ed il suo avvocato. Questo il piano diabolico di un uomo di 50 anni di Messina arrestato dalla Polizia.

Sembra quasi la trama di un film, un uomo di 50 anni ha assoldato un killer affinché uccidesse la sua ex moglie ed il suo avvocato, facendo passare l’omicidio, però, come un semplice incidente. L’uomo era stato già condannato per stalking nei confronti della ex coniuge, circostanza che portò alla separazione nel 2016 come riporta la redazione de La Stampa.

Assolda un killer per uccidere la moglie: il piano criminale di un 50enne

Un femminicidio ed un omicidio che avrebbero dovuto avere le fattezze di un incidente: questo il diabolico piano di un 50enne che aveva assoldato un killer per uccidere l’ex moglie ed il suo avvocato. L’uomo originario di Patti, centro in provincia di Messina, è entrato in contatto con una banda di criminali locali ai quali avrebbe proposto il suo piano. Fortunatamente la vicenda si è conclusa con l’arresto dell’uomo disposto dal Gip Ugo Molino su richiesta del Pubblico Ministero Federica Urbani. L’uomo nel 2016 era stato condannato per stalking nei confronti della moglie e probabilmente è stata questa circostanza a spingerlo ad ordire la terribile vendetta.

I rapporti tra la coppia separatasi proprio dal 2016, come riporta La Stampa, erano tesissimi, tanto da che in numerose occasioni era dovuta intervenire la Polizia per placare episodi di violenza anche in danno dei figli dei due. I giudici di primo grado, a seguito dei numerosi episodi avevano disposto l’allentamento dalla casa familiare ed il divieto di avvicinamento alla ex moglie, per poi giungere a condannare in primo grado l’uomo. La sentenza deve essere stata la scintilla che ha innescato l’incendio nella mente dell’uomo il quale da quel momento ha iniziato ad ordire il terribile piano di vendetta.

Il 50enne rivoltosi ad una banda di locali malviventi, aveva chiesto che la moglie ed il suo avvocato difensore venissero eliminati. Il tutto, però, sarebbe dovuto sembrare un incidente, così da non attirare sospetti. Il pagamento sarebbe arrivato a “lavoro ultimato”. Tuttavia, il killer di certo non discreto, aveva parlato di questo compito che gli era stato assegnato con delle persone le quali hanno fatto giungere all’orecchio della vittima il terribile piano. La donna si è immediatamente rivolta alla Polizia la quale ha immediatamente rilevato che il 50enne aveva installato di nascosto sulla macchina della ex moglie un rilevatore GPS. Gli uomini dell’arma, quindi, a seguito di più approfondite indagini sono riuscite a smascherare l’uomo e ad arrestarlo.

Leggi anche —> Furto in casa del giocatore Ivan Perisic: colpo da oltre 80mila euro