tumore proteina
Bloccare una particolare proteina può arrestare il tumore – FOTO: getty

Degli studiosi italiani a Pisa hanno rilevato la presenza di una particolare causa alla base della formazione del tumore. In futuro possono esserci risvolti positivi in tal senso.

Uno studio in materia di tumore ha portato all’emergere di un fattore mai osservato prima. Una proteina specifica favorirebbe lo sviluppo della malattia in quanto li aiuterebbe a trovare il modo per svilupparsi. Se ne parla sulla rivista specializzata di settore ‘Biochimica et Biophysica Acta – Molecular Basis of Disease’, dove si fa riferimento a questo aspetto come di una possibile arma per contrastare i tumori invece. Infatti andando a bloccare questa proteina sarebbe in teoria possibile bloccare la crescita dei vasi sanguigni che alimentano le masse tumorali. Le osservazioni sono state condotte da Debora Angeloni dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. La proteina in questione è chiamata Mical2, ed anche se sugli aspetti che presuppongono uno stop a questa proteina c’è ancora molto lavoro da fare, già il fatto di aver individuato un possibile campo di azione per contrastare il tumore rappresenta un risultato importante.

LEGGI ANCHE –> Terremoto Brescia, scossa in piena notte: paura sui social – FOTO

Tumore, fermare questa proteina può dare grossi risultati

La Mical2 si attiva ogni qualvolta le cellule malate mandano un input. Da qui si sviluppa l’entotelio, il tessuto che fodera i vasi sanguigni, e che in questi casi fa da principale mezzo di nutrimento per il cancro. Tale aspetto si manifesta sempre, sia nei casi più aggressivi che in quelli che possono essere arginati. “E non avviene invece nei vasi sanguigni normali”, fanno sapere gli studiosi. Fino ad oggi il principale bersaglio era il cosiddetto fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), un altro tipo di proteina più complessa e che è deputata alla crescita di nuovi vasi sanguigni. Più o meno la stessa funzione della Mical2, con la differenza non irrilevante che quest’ultima risulta essere più basilare e probabilmente più ‘manovrabile’.