Jorge Lorenzo: “Vi dico cosa ho chiesto in Giappone”

0
473
Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (Getty Images)

MotoGP | Jorge Lorenzo: “Vi dico cosa ho chiesto in Giappone”

Jorge Lorenzo non sta vivendo l’avvio di stagione che sognava in Honda. Il pilota spagnolo, infatti, non sembra ancora adattarsi alla moto giapponese che gli sta creando più di un problema. Sinora il suo miglior risultato è stato l’11 posto conquistato a Le Mans, davvero poco per chi era arrivato in HRC con le stigmate dell’anti-Marquez.

Come riportato da “Marca”, il pilota spagnolo ha così parlato dei suoi sogni durante un evento promozionale con Honda: “Sin da quando ero piccolo avevo tanti sogni, ma il principale era vincere la mia prima gara, vincere il Mondiale. In questo momento il mio sogno è ottenere podi e vittorie con la Honda, sembra un desiderio lontano, ma non penso sia così lontano, stiamo lavorando bene per raggiungerlo”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lo spagnolo vuole tornare in vetta

Jorge Lorenzo ha poi continuato: “Vorrei fare quello che non sono stato in grado di fare a causa del mio lavoro: viaggiare, passare del tempo con le persone con le quali non sono stato in grado di farlo. Poi credo che bisognerebbe trovare delle soluzioni per il pianeta, per sostenerlo. Bisognerebbe lavorare di più sull’inquinamento”.

Il rider iberico ha anche parlato del suo viaggio in Giappone: “Abbiamo capito che le scarpe sono scomode, o molto grandi o molto piccole, se non ti senti a tuo agio è difficile offrire il livello migliore. Faremo delle modifiche in base a ciò che la normativa consente per farmi adattare meglio alla moto nelle prossime gare. I primi cambiamenti si vedranno già a Barcellona”.

Infine Jorge Lorenzo ha così concluso: “Uno dei problemi principali è che la moto potrebbe essere meno fisica per me, non mi sento a mio agio. Un pezzo del puzzle è arrivato qui a Barcellona. Ho bisogno di molto tempo, sono troppo lontano da come vorrei guidare la Honda, soprattutto in frenata”.

Antonio Russo