Ferrari (©Getty Images)

F1 | GP Canada, l’ultima speranza Ferrari: ecco cosa potrebbe fare

La notizia di questo giovedì è che la Rossa ha deciso di non fare ricorso contro la decisione della FIA di infliggere a Sebastian Vettel 5″ di penalità per l’episodio occorso in Canada al giro 48 e che ha avuto come controparte Lewis Hamilton.

Ovviamente la domanda che sorge spontanea è, cosa ha fatto cambiare idea al Cavallino?

La risposta si troverebbe nell’articolo 15 del Codice Sportivo Internazionale e nell’articolo 9.1.1 delle norme di giudizio e disciplinari della Federazione che dice: “I concorrenti hanno il diritto di appellarsi a determinate decisioni del Collegio dei Commissari“.

E’ proprio il punto “determinate decisioni”, ovvero quelle che non riguardano le punizioni post gara, avrebbe fatto desistere la Ferrari dall’intenzione di ribaltare la decisione federale;  senza dimenticare che, qualora l’appello fosse stato accettato, le Frecce d’Argento avrebbero avuto a loro volta il diritto di protestare visto che Ham non aveva fatto altro che seguire il regolamento, innescando così una catena di sant’Antonio.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Che cosa può fare ora Maranello – Potrebbe alzare l’asticella della vicenda e spostarla sul tema sicurezza. Dunque chiedere l’applicazione dell’Articolo 14.1.1 del Codice Sportivo che consente di portare nuove evidenze, o ancora fare ricorso ad un ente esterno alla Federazione come il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, organo autonomo a cui vengono rimesse le controversie non regolamentate dagli specifici codici per ciò che concerne la finanza, i regolamenti e le questioni giuridiche sportive.

Il precedente – In passato Valentino Rossi si era avvalso del TAS, ma la sua richiesta di sospensione della penalità di 3 punti sulla patente ricevuta in Malesia per l’incidente con Marc Marquez era stata respinta.

Se la Ferrari decidesse di andare avanti su questa strada, anche la FIA sarebbe sul banco degli imputati.

Chiara Rainis