Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi pessimista: “Sarà un altro weekend impegnativo”

Valentino Rossi dopo il brutto weekend vissuto al Mugello è pronto per il GP della Catalunya. Il Dottore tra queste curve ha ricordi decisamente dolci. Qui, infatti, il 46 ha totalizzato ben 10 successi tenendo conto di tutte e tre le categorie del Motomondiale. L’ultimo successo del rider di Tavullia è datato però 2016 prima dell’epopea Ducati che nell’ultimo biennio ha portato a casa due vittorie: una con Dovizioso e una con Lorenzo.

L’anno scorso Valentino Rossi chiuse il weekend di Barcellona con un ottimo 3° posto. Il Dottore vuole provare sicuramente a replicare il risultato di un anno fa per ritornare prepotentemente in corsa per il titolo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vinales: “Non vedo l’ora di correre qui”

In vista della prossima gara il rider di Tavullia ha così affermato: “Dopo il complicato weekend del Mugello arriviamo a Barcellona, una pista che mi piace davvero molto. Sicuramente sarà un altro weekend impegnativo in Spagna. L’ultima volta non siamo stati così competitivi e dobbiamo lavorare sodo”.

Valentino Rossi ha poi concluso: “Cercheremo di fare del nostro meglio per risolvere i problemi e ottenere il miglior risultato possibile. Lunedì ci sarà anche un giorno di test e cercheremo di lavorare al meglio e sfruttare al massimo l’occasione”. Insomma a quanto pare il Dottore è bello carico in vista del prossimo weekend.

Leggi anche -> Valentino Rossi, serve la svolta Yamaha per allontanare lo spettro ritiro

A fargli eco ci pensa anche il compagno di team Maverick Vinales: “Non vedo l’ora di arrivare nel mio GP di casa. Barcellona è una pista molto speciale per me, è un circuito che mi piace davvero molto. Lì posso sentire il supporto dei miei fan, c’è un’atmosfera straordinaria. Spero di poter rispondere con un buon risultato. Il Mugello è stata una gara molto impegnativa per me dal punto di vista fisico. Dobbiamo continuare a lavorare sodo per capire i problemi della moto”.

Antonio Russo