samuele cavalieri superbike 2019 ducati
Samuele Cavalieri (foto Facebook)

Superbike, GP Misano 2019: Cavalieri wild card con il team Motocorsa Ducati.

Saranno sei le Ducati Panigale V4 R in pista nel Gran Premio di Misano 2019 Superbike. Oltre ai quattro consueti piloti, ci saranno anche due wild card.

La presenza di Michele Pirro come rinforzo del team Barni Racing è già stata annunciata a inizio giugno. Il pilota pugliese affiancherà il titolare Michael Rinaldi, protagonista di Gara 2 SBK a Jerez con un ottimo quarto posto finale. Pirro recentemente ha corso da wild card al Mugello nel weekend della MotoGP ed è pronto a impegnarsi anche nel campionato mondiale delle derivate di serie il 21-22-23 giugno. Ci si aspettano buone prestazioni da parte sua, considerando l’esperienza che possiede.

Il tester Ducati MotoGP è leader a punteggio pieno del CIV Superbike 2019 e a Misano correrà anche contro colui che lo segue in classifica, ovvero Samuele Cavalieri. Il rider bolognese classe 1997 scenderà in pista con una Panigale V4 R del team Motocorsa Racing, squadra con la quale corre proprio nel CIV. La struttura di Lorenzo Mauri ad Imola aveva fatto il proprio esordio nel WorldSBK impiegando Lorenzo Zanetti.

Oggi la notizia della partecipazione alla tappa di Misano è stata confermata e Cavalieri si è detto entusiasta dell’opportunità di correre contro Alvaro Bautista, Jonathan Rea e gli altri piloti del campionato SBK: “Sono veramente contento per questa grande possibilità che mi viene offerta di debuttare come wild card nel mondiale Superbike a Misano. Rappresenta certamente una tappa importante nella mia carriera di pilota ed intendo affrontarla nel migliore dei modi. Sarà importante lavorare bene insieme al mio team, trovare subito un buon metodo di lavoro e capire in fretta la moto, che è molto diversa da quella che io utilizzo nel CIV. Non sarà facile ma so che posso contare sull’aiuto di una grande squadra. Non vedo l’ora di scendere in pista e di vedere da vicino i campioni della Superbike, dai quali ho certamente molto da imparare. Oltre a Lorenzo Mauri, il mio ringraziamento va a tutti i miei sponsor, che hanno reso possibile questa wild card, e a tutti quelli che mi sostengono”.

Matteo Bellan