F1 - Hamilton con Ricciardo
F1 – Hamilton con Ricciardo (YouTube)

F1 | Formula 1 ipocrita: quella volta che Hamilton fece peggio di Vettel (VIDEO)

Il Gran Premio del Canada ha lasciato dietro di sé uno strascico di polemiche che difficilmente ci lascerà nell’arco di questa stagione. Sebastian Vettel ha vinto la sua prima gara stagionale, ma i commissari gli hanno sottratto un successo meritatissimo regalandolo a Lewis Hamilton a causa, a loro dire, di una manovra pericolosa del tedesco durante la gara.

Durante il GP, infatti, il pilota della Ferrari ha commesso un piccolo errore finendo lungo alla 3a curva. Vettel ha tagliato sull’erba perdendo il controllo della vettura e uscendo dalla curva è quasi finito a muro. Proprio in quel momento, Hamilton, che gli era alle spalle ha provato a superarlo all’esterno venendo di fatto stretto anche lui a muro.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Nel 2016 stesso episodio, decisione diversa

La gara da lì è proseguita, ma i Commissari hanno deciso di infliggere a Sebastian Vettel una penalità di 5 secondi da aggiungere sul tempo finale della gara regalando di fatto il successo a Lewis Hamilton. Il tedesco dopo il traguardo, visibilmente arrabbiato ha lasciato la vettura fuori posizione e all’inizio si è rifiutato di salire sul podio.

Dopo però il tedesco è tornato sui suoi passi, ma prima ha pensato bene di spostare il cartellone del numero uno davanti la macchina di Hamilton sostituendolo con quello col numero due.

I fatti però ci raccontano di una F1 ipocrita che si rimangia decisioni passate. Solo 3 anni fa, infatti, durante il GP di Monaco 2016, Lewis Hamilton tagliava la chicane della curva del tabaccaio salvo poi stringere palesemente a muro l’accorrente Ricciardo. Una manovra ben più palese di quella fatta da Vettel ieri. In quel frangente però i commissari decisero di non muovere un dito lasciando la vittoria al britannico. Insomma cambiano le vetture, cambiano i piloti e a quanto pare cambia anche il regolamento per qualcuno.

Leggi anche -> Ecco perché Sebastian Vettel non andava penalizzato nel GP del Canada

Antonio Russo