F1 - Lewis Hamilton e Sebastian Vettel sul podio
F1 – Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (YouTube)

F1 | I big sono tutti con Vettel: “Decisione assurda”

I big della F1 si schierano palesemente con Sebastian Vettel. Il pilota della Ferrari ieri ha vinto il Gran Premio del Canada, ma a causa di una penalità è stato retrocesso alle spalle di Lewis Hamilton. Il tedesco, visibilmente arrabbiato, in un primo momento si è rifiutato di andare sul podio e poi ha deciso di spostare il tabellone con il numero 2 davanti alla vettura del britannico.

Damon Hill scrive sul proprio profilo Twitter: “La mia visione personale è che avrebbe potuto lasciare più spazio, ma abbiamo perso un grande finale a causa della penalità. C’erano abbastanza dubbi per lasciarli liberi di continuare. Ricordate Digione”. L’ex campione del mondo si riferisce naturalmente all’epica lotta tra Villeneuve e Arnoux.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Tutti con Sebastian Vettel

Più duro Nigel Mansell: “Ridicolo, 5 secondi di penalità. Seb è stato bravo a non prendere il muro. Non c’era spazio in pista” e ancora “Cosa avrebbe dovuto fare Seb? Pazzi, a quel punto la vettura faceva quello che voleva lui era un passeggero”. Infine ha aggiunto: “Sono imbarazzato. Non sono contento di guardare questa gara, due campioni che guidano in maniera brillante e un risultato falsato”.

Jenson Button, invece, si è limitato a ritwittare i post dei suoi colleghi che davano ragione a Vettel. Pesante anche il commento di Mario Andretti: “Penso che la funzione dei Commissari sia quella di penalizzare mosse pericolose e non onesti errori risultati da gare dure. Quello che è successo al GP del Canada non è accettabile a questo livello del nostro grande sport”.

Anche l’ex compagno di team di Sebastian, Mark Webber difende il tedesco: “Nessuno dei Commissari ha mai gareggiato in F1? Penalità folle”. Infine durissimo il commento della stella della NASCAR Jimmie Johnson: “Sono felice che nella NASCAR non ci siano Commissari”.

Antonio Russo