michael van der mark superbike 2019 jerez
Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK)

Michael van der Mark ha trionfato in Gara 2 Superbike a Jerez, è il primo successo Yamaha in questo campionato 2019. Una straordinaria prestazione del pilota olandese, secondo sia in Gara 1 che nella Superpole Race.

Queste le parole di van der Mark dopo la vittoria nella seconda manche del Gran Premio di Spagna 2019: «Già da venerdì mi sentivo meglio sulla Yamaha – riporta Speedweek -. Dopo il test di Misano mi è sembrato quasi di avere una nuova moto. Durante il weekend non abbiamo quasi cambiato nulla, il nostro pacchetto è ottimo. Volevo battagliare con Bautista, non scopriremo mai come sarebbe andata se non fosse caduto. Lui è molto veloce. Non posso lamentarmi con due secondi posti e una vittoria. Vorrei migliorare nelle qualifiche. Non so se ora Yamaha abbia raggiunto Kawasaki, però a Jerez sono stato forte».

Jonathan Rea ha chiuso al secondo posto Gara 2. Nonostante la caduta del rivale Alvaro Bautista, il campione della Kawasaki non è riuscito ad approfittarne completamente e a fare bottino pieno: «Non avevo il ritmo di Michael – spiega -, lui era incredibilmente veloce. Comunque abbiamo trovato un piccolo miglioramento rispetto a sabato. Nelle curve veloci del settore finale mi sentivo forte quanto la Yamaha, se non più forte. Ma tra la 1 e la 3 perdevo troppo. In inverno eravamo molto competitivi a Jerez, però in estate poi le cose possono cambiare completamente. Oltre alla temperatura alta, anche il nuovo asfalto ha reso il tracciato strano. Comunque il podio è stato importante, il ritmo era come quello tenuto da Bautista sabato. Per Misano pensiamo di poter essere più forti, stiamo lavorando bene».

Grossi complimenti a Toprak Razgatlioglu, terzo con la Kawasaki del team privato Puccetti: «Sono molto felice di questo podio – afferma il turco – dato che nella Superpole Race non era andata molto bene. Ma la seconda manche è stata molto migliore, abbiamo fatto progressi nel setup e dunque nel feeling con la moto. Sono contento del risultato, vedremo cosa succederà nella prossima gara».

 

Matteo Bellan