Hamilton fa il tattico: “Bello vedere la Ferrari davanti”

0
149
Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (Getty Images)

F1| Hamilton fa il tattico: “Bello vedere la Ferrari davanti”

Anziché farsi vedere alterato o deluso per la mancata pole position in quel del Canada, Lewis Hamilton ha messo in atto un piano di astuzia fatto di sorrisi e complimenti agli avversari. Almeno a parole, insomma, la prestazione di peso registrata da Sebastian Vettel questo sabato pomeriggio non ha rappresentato nulla di negativo per il campione della Mercedes, anzi, all’opposto.

E’ un risultato fantastico per lo sport“, ha affermato il cinque volte iridato al termine delle qualifiche concluse in piazza d’onore. “Personalmente amo la battaglia tra i diversi team e oggi abbiamo assistito ad una lotta serrata. Davvero non avevo idea in che posizione saremmo finiti. A tratti erano davanti le Rosse e poi invece si ribaltava la situazione“.

Speriamo veramente che questa sia una svolta per il Cavallino e che d’ora in avanti si sia più vicini in modo da avere un duello serio da qui al termine del campionato“, ha proseguito sostenendo tuttavia di non essere rimasto sorpreso dalla competitività della SF90 su questo tracciato, privilegiando l’alta velocità di punta.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per tutto il fine settimana hanno mostrato di possedere un grande passo, in particolare sul dritto si sono mostrati sei decimi più rapidi di noi“, ha proseguito nell’analisi. “Per quanto concerne il mio giro nel Q3 è stato buono. Considerato che ho saltato l’FP2 sono soddisfatto“.

Il terzo settore è quello in cui perdiamo maggiormente, dunque spero che in corsa l’handicap possa diminuire“, ha quindi aggiunto. Infine risponde a chi gli domandava se aveva già pensato a qualche trucco per passare avanti ai semafori spenti, Ham ha chiosato. “Non credo di poter fare molto. Qui la prima curva è piuttosto vicina e ci si arriva subito. In ogni caso la gara è lunga e le gomme giocheranno un ruolo fondamentale“.

Chiara Rainis