Alex Rins
Getty Images

MotoGP, Alex Rins ha un asso nella manica: “Pronti a combattere”

Dopo le prime sei gare del Motomondiale il pilota della Suzuki, Alex Rins, è in lotta per le prime posizioni insieme al campione in carica Marc Marquez e al viceiridato Andrea Dovizioso. Terzo posto in classifica a quota 88 punti, a -15 dal pilota Ducati e -27 dal leader della Top Class.

Al Gran Premio d’Italia si è dovuto accontentare di un quarto posto, ma è stato autore di una delle più grandi rimonte della sua carriera e con un giro in più forse avrebbe superato anche il Dovi. Per il momento ha incassato una vittoria ad Austin e un podio a Jerez, in vista del prossimo appuntamento a Barcellona davanti al pubblico di casa.

Quando gli viene chiesto il suo ruolo nella corsa al titolo, lo spagnolo non si scompone: “Mi sento proprio come prima e dopo Austin. Sapevamo che le piste successive ad Austin sarebbero state un po’ più difficile per noi, abbiamo cercato di prendere punti. La peggior gara era sicuramente a Le Mans. Ma noi siamo pronti a combattere”. Il più grande problema di Alex Rins sono le qualifiche. La sua migliore posizione di partenza finora è stata un settimo posto ad Austin, che ha trasformato in una vittoria. La seconda miglior posizione di partenza è stato il nono posto a Jerez ed è salito sul podio. Nelle restanti gare ha guadagnato da sei a undici posizioni fino al risultato finale.

Con una qualifica migliore, il pilota Suzuki avrebbe probabilmente potuto lottare per il podio o addirittura la vittoria in ogni gara. Ma Alex Rins è fiducioso in attesa di tracciati più favorevoli alla sua Suzuki GSX-RR: “Con Montmelo e Assen ora ci sono due piste che dovrebbero essere nostre, nella seconda metà della stagione mi piacciono più o meno tutte le piste”. A quanto pare il meglio deve ancora venire…