Alvaro Bautista Jonathan Rea superbike 2019
Alvaro Bautista e Jonathan Rea (©Getty Images)

Superbike, GP Spagna 2019: le parole di Bautista, Van der Mark e Rea dopo Gara 1 di Jerez.

Alvaro Bautista è tornato a dominare nel campionato mondiale Superbike 2019. In Gara 1 a Jerez ha vinto con margine, mostrando lo strapotere evidenziato prima del GP d’Italia a Imola. La sua leadership nella classifica piloti è consolidata con 288 punti.

Seconda posizione per un ottimo Michael van der Mark, particolarmente veloce in sella ad una Yamaha R1 migliorata dopo l’ultimo test SBK a Misano. Avrebbe potuto esserci anche il suo compagno Alex Lowes sul podio, ma all’ultima curva è stato toccato da Jonathan Rea ed è scivolato rovinosamente. Contusioni alla spalla e alla mano sinistra per lui, mentre il rider della Kawasaki non è stato penalizzato e dunque si è presto il terzo posto finale.

Superbike Jerez, Gara 1: i commenti di Bautista, Van der Mark e Rea

Ovviamente grande felicità per Bautista, che ci teneva a tornare alla vittoria di fronte al pubblico spagnolo. Queste le parole del pilota del team Aruba Racing Ducati dopo Gara 1: «Sono veramente felice, era la prima volta che correvo a Jerez con la Superbike. Sono contento di aver vinto davanti alla mia famiglia, ai miei amici e ai miei tifosi. Era una gara difficile a causa del caldo, ho cercato di spingere fin dall’inizio per prendere subito la prima posizione. Sapevo che il mio passo era molto buono, sono riuscito a mettere del gap e poi ho cercato di gestire. Sono felice di essere tornato alla vittoria. Dal cielo mio nonno mi ha dato energia oggi».

Soddisfatto anche Van der Mark del proprio risultato, che lo proietta al terzo posto della classifica generale davanti al compagno Lowes: «Sono molto felice di questo podio dopo essere partito dalla settima posizione. La prima parte di gara è stata complicata. Sapevo di avere un buon passo e quindi ero abbastanza fiducioso. Ho cercato di stare calmo, passando man mano gli avversari e al tempo stesso preservando la gomma. Abbiamo conquistato un buon podio, ora speriamo di migliorare ulteriormente la moto e di lottare ancora per il podio domani».

Un Rea visibilmente dispiaciuto quello che si è visto al suo arrivo al parco chiuso. Quanto successo con Lowes non doveva capitare e giustamente ha chiesto scusa: «Ho provato a fare di tutto per passare Alex, ho cercato di infilarmi all’interno della curva e ci siamo toccati. Sono molto dispiaciuto per quanto successo, gli chiedo scusa. Non meritava di finire a terra, mi dispiace tanto. Non era quella la mia intenzione. Adesso ci confronteremo con il team e tenteremo di migliorare la moto per domani».

Matteo Bellan