Niki Lauda (©Getty Images)

F1 | Vienna dedicherà il suo aeroporto a Niki Lauda

Come Leonardo da Vinci a Roma, John F. Kennedy a New York, Charles de Gaulle a Parigi, Ronald Regan a Washington, John Lennon a Liverpool,  Giovanni Paolo II a Cracovia e Pablo Picasso a Malaga, anche Niki Lauda avrà un aeroporto a lui dedicato. Si tratta ovviamente di quello di Vienna, sua città Natale.

Un omaggio senza pari o quasi – L’Austria non è solita intitolare strutture pubbliche a personalità di spicco. L’unico strappo alla regola lo aveva fatto per l’aeroporto di Salisburgo, come facilmente immaginabile dedicato a Wolfgang Amadeus Mozart.

L’omaggio durante il funerale – Piuttosto toccante era stata la decisione presa dalla compagnia aerea di proprietà del 70enne Laudamotion, subentrata da poco alla FlyNiki, sempre legata all’asso austriaco, di fare un personale omaggio al fondatore. Durante la cerimonia che si è svolta mercoledì scorso un Airbus 320 ha sorvolato diverse volte la zona ovest di Neusfit, in cui si sono tenute le esequie e la tumulazione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Grande appassionato di tutto ciò che è dotato di motore Lauda aveva creato non solo la compagnia con base a Vienna, ma lui stesso aveva in alcune occasioni guidato gli aerei di linea della stessa, oltre che jet privati.

Pilota carismatico e dalla forte intelligenza tattica che lo ha portato ad essere soprannominato Computer, il tre volte campione del mondo di F1 aveva trovato anche l’amore nel mondo dell’aeronautica. L’attuale compagna Birgit, con cui condivideva la vita da un decennio, l’aveva conosciuta proprio sul lavoro visto che le svolgeva la funzione di hostess. L’amore tra i due era scoppiato nel 2005 quando, scoperte le difficoltà di salute del driver, probabilmente sempre legate al terribile incidente del Nurburgring del 1976, la donna aveva accettato di donargli un rene.Un atto d’affetto inaspettato che colpì particolarmente Lauda. La coppia ha in seguito avuto due figli, i gemelli Mia e Max.

Chiara Rainis