Vettel e Leclerc a Maranello per aiutare la Ferrari

Sebastian Vettel e Charles Leclerc (©Getty Images)

F1 | Vettel e Leclerc a Maranello per aiutare la Ferrari

Ufficialmente erano in Italia per partecipare alla presentazione della SF90 stradale, la prima vettura ibrida di Casa Maranello, capace di esprimere fino a 1000 cv. In realtà Sebastian Vettel e Charles Leclerc sono stati messi subito al lavoro sul simulatore.

Cosa hanno fatto i piloti Ferrari – Sul cosiddetto “ragno” i due si sono focalizzati sulla preparazione del prossimo appuntamento iridato in programma dal 7 al 9 giugno in Canada.

Sulla carta, il tracciato di Montreal dovrebbe risultare ottimale per la Rossa e per questo il boss Mattia Binotto ha voluto farli concentrare sul pacchetto aerodinamico a medio carico che verrà portato in pista al Gilles Villeneuve e ugualmente sulle gomme scelte da Pirelli per il settimo evento stagionale, ossia le C3, le C4 e le C5, vero tallone d’Achille del Cavallino in questo avvio di 2019.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Non esiste una ricetta magica

In questi giorni post GP di Monaco la Ferrari si è data parecchio da fare. Oltre a dedicarsi al simulatore per cercare di colmare il divario sulla Mercedes, ha altresì fornito il suo contributo alla Pirelli per quanto riguarda le scarpe da bagnato in ottica 2020.

In mezzo a tutto questo movimento la dirigenza ha predicato la calma. In pratica, ha avvisato i tifosi del Cavallino di non aspettarsi chissà quale ripresa repentina.

Dovremo provare a crescere gara per gara“, ha riferito il team principal. “Abbiamo già avviato dei programmi per tentare di risolvere le problematiche che si sono palesate nelle ultime due corse. Tuttavia non credo che in Canada potremo trovare una soluzione magica. La macchina è la stessa e l’unica cosa che possiamo fare è prepararci al meglio in termini di assetto“, ha precisato smontando le speranze italiane.

Chiara Rainis