Petrucci parte bene al Mugello: sempre tra i primi. Dovizioso arranca

Danilo Petrucci sulla Ducati nelle prove libere del Gran Premio d'Italia di MotoGP 2019 al Mugello (Foto Bonora Agency per TuttoMotoriWeb.com)
Danilo Petrucci sulla Ducati nelle prove libere del Gran Premio d’Italia di MotoGP 2019 al Mugello (Foto Bonora Agency per TuttoMotoriWeb.com)

MotoGP | Petrucci parte bene al Mugello: sempre tra i primi. Dovizioso arranca

Danilo Petrucci inizia bene il weekend di gara in casa del Gran Premio d’Italia di MotoGP 2019 al Mugello. Dopo essersi mantenuto nelle posizioni di testa per tutta la seconda sessione di prove libere, infatti, il pilota ternano della Ducati ha chiuso al terzo posto, subito dietro alla doppietta di debuttanti costituita da Pecco Bagnaia e Fabio Quartararo.

Un risultato di squadra promettente, insomma, quello della Ducati, che con Bagnaia e Petrucci ha piazzato due suoi portacolori nelle prime tre posizioni. E per Petrux, in particolare, una giornata condotta tutta nelle parti alte della classifica, visto che anche al mattino aveva conquistato la seconda piazza. Nel pomeriggio, poi, si è migliorato di ben nove decimi, chiudendo a poco più di un decimo dalla vetta della graduatoria.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Inevitabile che i suoi commenti siano dunque del tutto positivi: “Oggi le mie sensazioni in sella sono state piuttosto buone, anche se fisicamente non sono in perfetta forma a causa di un forte mal di gola”, spiega Danilo. “Entrambe le sessioni sono andate abbastanza bene, ma la pista al momento non offre molta aderenza, tanto che nemmeno con la gomma morbida nuova al posteriore si avverte tanta differenza. Al momento perdo ancora qualcosa nel quarto settore, dove fatico un po’ ad inserire la moto nell’ultima curva e non riesco a fare le traiettorie che vorrei. Per domani ci concentreremo innanzitutto su questo aspetto, analizzando e comparando i dati. Dobbiamo tenere alta la concentrazione e prepararci ad una bella lotta in qualifica, perché siamo tutti molto vicini. L’obiettivo resta la pole position, o come minimo le prime due file”.

Dovizioso distante da Petrucci e fuori dalla top 10

All’appuntamento con le prime posizioni manca invece Andrea Dovizioso, al momento undicesimo e quindi provvisoriamente fuori dalla fase finale delle qualifiche di domani. Il lato positivo, comunque, è che Desmodovi non è così distante dai primi dieci: il suo tempo finale è stato più lento di sei decimi rispetto alla vetta, in una classifica oggi particolarmente corta. Il forlivese, pur concentrandosi soprattutto sulla ricerca degli assetti in vista della gara di domenica, è riuscito ad abbassare il suo miglior riscontro cronometrico di quasi un secondo rispetto al turno inaugurale del fine settimana, anche se non si è detto ancora completamente soddisfatto delle sensazioni provate alla guida della sua Desmosedici GP19.

“Tutto sommato, non siamo messi male”, sintetizza Dovizioso a fine giornata. “Non ho ancora trovato il miglior feeling con la mia Desmosedici GP, anche se a livello di passo gara siamo abbastanza competitivi. Nella seconda sessione di prove libere abbiamo provato e comparato due assetti abbastanza diversi, ciascuno con pregi e difetti, e quindi dobbiamo mettere insieme tutti i dati per trovare il miglior compromesso. Come ci aspettavamo, rispetto agli anni scorsi ci sono più avversari competitivi in grado di lottare al vertice ed alcuni nostri vantaggi non sono forse più così evidenti, ma siamo solo all’inizio e sono convinto che lavorando con metodo, come abbiamo sempre fatto, domani in qualifica e domenica in gara riusciremo a dire la nostra”.

In pista oggi anche il collaudatore della Ducati, la wild card Michele Pirro, che è giunto non troppo distante in tredicesima posizione.