Berger consiglia: “Solo così la Ferrari tornerà competitiva”

Gerhard Berger (©Getty Images)

F1 | Il consiglio di Berger: “Solo così la Ferrari tornerà competitiva”

La mancanza di competitività della Rossa proprio in una stagione che doveva vederla alla pari, se non superiore alla Mercedes, ha lasciato tutti perplessi.

Anche uno che del Cavallino se ne intende come l’ex pilota Gerhard Berger si è dichiarato abbastanza colpito da questa mancanza di forma e  dunque ha voluto dare alla Ferrari un suo personale suggerimento.

Dopo la partenza di Luca di Montezemolo e Stefano Domenicali, la scuderia aveva perso identità. Per quanto mi riguarda non la riconoscevo più. Adesso, invece, con la nomina di Mattia Binotto al vertice abbiamo avuto un ritorno al DNA. E’ stata senz’altro la decisione giusta“, ha dichiarato a La Gazzetta dello Sport. “Il team resta comunque giovane, di conseguenza ci vorrà tempo per crescere. Dovranno prima trovare la stabilità“.

Secondo il 59enne, un valido aiuto per Maranello potrebbe essere rappresentato da una vittoria di gara. “Sono convinto che un successo potrebbe togliere un po’ di pressione e invertire la tendenza“, ha sostenuto  l’austriaco pur dimostrandosi scettico circa la possibilità della Ferrari di poter battere le Frecce d’Argento nelle due classifiche marche e conduttori a fronte non solo di una prima parte di mondiale deludente, ma altresì di una certa difficoltà a reggere il ritmo di sviluppo dell’equipe avversaria.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Quanto fatto a Baku mi aveva persuaso a credere che avrebbe potuto dire la sua per quanto concerne la lotta al mondiale, ma Monaco, anche senza errori, ha portato alla luce una certa mancanza di velocità“, ha sottolineato realista.

Al momento non penso sia possibile definire il vero livello della SF90. Sicuramente se vorranno battagliare davvero per il titolo dovranno evitare di ripetere quel genere di sbagli fatti nel Principato“,  ha dunque terminato Berger, autore di 5 primi posti con la tuta rossa.

Chiara Rainis