Ritirati due lotti di un noto prodotto: “Potrebbero contenere frammenti di plastica”

Supermarket
Supermarket (Getty Images)

L’azienda AIA ed il Ministero della Salute hanno diffuso un avviso in merito al richiamo dal mercato di due lotti di Spinacine, i quali potrebbero contenere frammenti di plastica.

Nuovo allarme in merito ai prodotti alimentari distribuiti e venduti sul territorio italiano. La nota azienda AIA ha diffuso un avviso in cui si dispone il richiamo dal mercato di due lotti di Spinacine all’interno delle quali potrebbero essere contenuti frammenti di plastica bianca. Nello specifico si tratterebbe di Spinacine di pollo e tacchino e Bigger XXL di tacchino venduti in confezioni. L’avviso è stato pubblicato anche sul sito del Ministero della Salute.

Leggi anche —> Integratori a base di curcuma ritirati dal mercato: registrati diversi casi di epatite

Ritirati dal mercato due lotti di Spinacine AIA: “Potrebbero contenere frammenti di plastica

Nella giornata di ieri, mercoledì 29 maggio, la nota azienda alimentare AIA ha diffuso una nota rendendo noto il richiamo dal mercato di due lotti di Spinacine al cui interno potrebbero essere contenuti frammenti di plastica. L’avviso è stato pubblicato anche dal Ministero della Salute all’interno della sezione “Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori“. Nello specifico si tratterebbe di tre prodotti panati di pollo e tacchino: Spinacine Aia nei formati da 220 e da 440 grammi caratterizzate da lotto n° 07258020 e data di scadenza 8 giugno 2019 e di Bigger XXL Aia, nel formato da 280 grammi, con lotto n° 07258011 e stessa data di scadenza. Come precisato sul sito dell’azienda: “A seguito delle procedure di autocontrollo che vengono svolte nei siti produttivi, l’azienda ha rilevato la possibile presenza di frammenti di plastica bianca. Il richiamo è stato deciso volontariamente dall’azienda in via precauzionale e riguarda esclusivamente i seguenti prodotti. L’azienda invita i consumatori che avessero già acquistato un prodotto appartenente ai due lotti interessati a riconsegnare le confezioni in loro possesso ai punti vendita in cui hanno effettuato l’acquisto. Gli stessi punti vendita procederanno alla sostituzione o all’eventuale rimborso“. Anche la catena di distribuzione Coop ha riportato l’avviso invitando i consumatori che avessero già acquistato uno dei prodotti a riportarlo presso un punto vendita per procedere al rimborso o alla sostituzione.

Leggi anche —> Anziano cosparso di alcol e arso vivo: confessa il figlio