Lewis Hamilton (©Getty Images)

F1 | Lewis Hamilton come Lauda. Scatta già il paragone

Sulla scia della scomparsa improvvisa di Niki Lauda c’è chi si è sentito di avanzare una comparazione tra lo stile computeristico e da ragioniere che ha reso grande il tre volte iridato viennese, con quello freddo del Lewis Hamilton targato 2019.

A proporre questo parallelismo Mika Hakkinen, rimasto particolarmente colpito dalla performance del britannico a Montecarlo lo scorso weekend quando, pur essendo in forte crisi con le gomme, è riuscito a mantenere la calma e a resistere agli attacchi di Max Verstappen che vorace ed aggressivo cercava il pertugio utile per infilarsi e portarsi a casa la vittoria più prestigiosa del calendario.

L’ultimo successo in carriera Lauda lo ottenne nel GP dell’Olanda del 1985. In quel frangente si trovò a dover tenere dietro il suo compagno di squadra alla McLaren Alain Prost mettendo la macchina in posizione di difesa in ogni curva e tentando di risultare il più veloce nelle sezioni rapide“, ha analizzato il campione finlandese sulla sua rubrica su UniBet.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Questo è esattamente il modo in cui ha gestito la gara domenica scorsa Lewis per non essere attaccato e superato dalla Red Bull. Adottando uno stile propriamente di Niki ha fatto ciò che serviva, ovvero piazzare la sua monoposto in centro pista per provare a difendersi dai tentativi di manovra del rivale”, ha proseguito nella sua riflessione. “E accelerare nei due settori più rapidi del tracciato ovvero il rettilineo della pit lane e il tunnel sotto il Fairmont. Ham si è dimostrato piuttosto maturo e ha davvero lottato per il primo posto“.

Il grande rivale di Michael Schumacher ha quindi elogiato anche la prestazione di Max Max. “E’ stato fantastico vedere il suo pressing nei confronti del pilota Mercedes negli ultimi 20 giri, con Sebastian Vettel, terzo, che stava alla finestra a guardare”, ha sostenuto il 50enne. “L’olandese è andato al massimo, ma ha sbagliato la tempistica di sorpasso. In ogni caso ha fatto divertire gli spettatori“.

Chiara Rainis