Honda E: telecamere al posto degli specchietti nella versione standard

(Image by Motor1)

Il nuovo veicolo elettrico Honda E sarà dotato di telecamere al posto degli specchietti retrovisori su ogni variante, ha confermato il produttore giapponese.

Rivelato per la prima volta al mondo nel settembre 2017 come Urban EV Concept, l’Honda E è una berlina elettrica a trazione posteriore progettata per competere con la Renault Zoe. A differenza della Zoe, tuttavia, la nuovissima Honda avrà uno stile retrò e un abitacolo high-tech, oltre che una tecnologia degli specchietti retrovisori all’avanguardia.

(Image by Motor1)

Il cosiddetto “Side Camera Mirror System” è simile agli specchietti virtuali visti sulle versioni top di gamma del nuovo SUV elettrico E-Tron di Audi, e utilizza telecamere rivolte all’indietro e piccoli schermi nell’abitacolo per mostrare ai conducenti la vista lungo i fianchi dell’auto. Nel caso della Honda, le telecamere si trovano in alloggiamenti appena sotto la linea del finestrino, con le loro immagini trasmesse agli schermi da sei pollici alle due estremità del cruscotto.

Honda sostiene che il sistema aiuterà l’auto “a mantenere un design moderno, pulito e semplice. L’azienda afferma anche che le telecamere laterali non sporgeranno oltre i passaruota, a differenza dei tradizionali specchietti retrovisori, che potrebbero impedire all’auto di passare attraverso spazi ristretti o nei garage.

(Image by Motor1)

E i vantaggi non si fermano qui. Honda nota anche che le telecamere sono più aerodinamiche degli specchietti convenzionali, migliorando l’efficienza e la portata dell’auto. E ci sono anche vantaggi in termini di sicurezza, con una scelta tra visione “normale” o “ampia” a disposizione del guidatore. Dicono che la visuale “ampia” riduca gli angoli ciechi della metà, mentre anche la visione “normale” fornisce un miglioramento del 10%.

Honda sta anche progettando di integrare il sistema di telecamere per la retromarcia con gli schermi, proiettando linee guida sui display da sei pollici per aiutare i conducenti a manovrare. E per evitare che le telecamere siano offuscate dall’acqua o dallo sporco, saranno dotate di alloggiamenti appositamente progettati che impediscono la comparsa di gocce d’acqua sull’obiettivo, che sarà anche dotato di un rivestimento idrorepellente.

In una dichiarazione, Honda ha dichiarato: “Oltre a migliorare la visibilità, queste videocamere compatte riducono la resistenza aerodinamica di circa il 90% rispetto ai tradizionali specchietti retrovisori. Il risultato è un miglioramento di circa il 3,8% per l’intero veicolo, contribuendo all’efficienza complessiva e all’autonomia dei modelli. Inoltre, vi è una significativa riduzione del rumore del vento rispetto ai normali specchietti retrovisori laterali a velocità più elevate”.

Si prevede che l’auto elettrica Honda E arriverà nel 2020, con la versione completa di produzione prevista per la fine di quest’anno. Tuttavia, i potenziali clienti possono già effettuare una prenotazione o registrare il loro interesse per il nuovo veicolo.