Bambino di tre mesi bruciato vivo: la terribile tragedia – FOTO

ambulanza bambino
Ambulanza in fiamme (foto dal web)

Una bombola di ossigeno, posizionata nel retro di un’ambulanza è esplosa durante il trasporto in ospedale di un bambino di tre mesi. Il piccolo è rimasto ucciso, mentre gli altri occupanti del mezzo, tra cui la madre sono riusciti a mettersi in salvo.

È accaduto ad Istanbul in Turchia, sulla Trans-European Motorway, la strada europea 80. Un’ambulanza stava trasportando in ospedale una madre con il proprio figlio di tre mesi in ospedale quando una bombola di ossigeno posizionata sul retro del mezzo è esplosa, facendo prendere fuoco all’abitacolo. I trasportati sono riusciti a mettersi in salvo ad eccezione del piccolo, che si trovava all’interno di un’incubatrice: per lui nonostante il tempestivo arrivo dei soccorsi non c’è stato nulla da fare. Il bambino è morto intrappolato tra le fiamme.

Leggi anche —> Ritirati due lotti di un noto prodotto: “Potrebbero contenere frammenti di plastica”

Tragedia in ambulanza: bambino di tre mesi morto tra le fiamme

La tragica vicenda ha avuto luogo ad Istanbul, Turchia. Precisamente i fatti si sarebbero verificati sulla strada europea 80, definita Trans-European Motorway. Un’ambulanza stava trasportando in ospedale una madre con il proprio bambino di soli tre mesi, quando inspiegabilmente una bombola d’ossigeno posta sul retro dell’abitacolo ha preso fuoco. Secondo una prima ricostruzione effettuata dalle forze di polizia intervenuti sui luoghi, tutti gli occupanti, compresa la madre del piccolo sarebbe riusciti a mettersi in salvo, fatta eccezione per il neonato che è rimasto imprigionato nell’incubatrice all’interno del quale era trasportato. Nonostante l’arrivo tempestivo dei mezzi di soccorso, è stato impossibile mettere in salvo, dunque, il bambino mentre la madre è stata trasportata d’urgenza in ospedale sotto choc. La donna, secondo quanto riportato dalla redazione di Leggo, avrebbe dichiarato: “All’improvviso, è successo qualcosa e il fuoco è divampato dal retro. I paramedici sono usciti e anche io sono saltata fuori dall’ambulanza”. Sulla vicenda, ora sta indagando la polizia. La strada, molto trafficata, ha condotto non pochi passanti ad immortalare la tragedia ed a postarne foto e video sui social come Facebook e Twitter.

Leggi anche —> Veronica Panarello torna in aula: “Voglio avere notizie del mio bambino”