Alla Ferrari ammettono: “Siamo in difficoltà in tutte le aree”

Ferrari (©Getty Images)

F1 | Alla Ferrari ammettono: “Siamo in difficoltà in tutte le aree”

Dopo aver ingannato tutti a suon di temponi durante i test invernali, la Rossa si trova ora costretta ad affrontare una realtà molto distante da quella trionfalistica del Montmelo.  D’altronde, non sarebbe possibile fare altrimenti, visto che la classifica generale la vede lontana inseguitrice della Mercedes con 139 punti contro i 257 dei tedeschi.

Pur riconoscendo di aver mancato in Bahrain e in Azerbaijan due successi possibili, il direttore sportivo della Ferrari Laurent Mekies, ha rivelato di ritenere la W10 nettamente superiore alla SF90.

Siamo andati male in Australia, molto bene ad Al-Sakhir, nella media in Cina, piuttosto ok a Baku e in difficoltà sia in Spagna, sia a Monaco. In sintesi 6 a 0 per le Frecce d’Argento, quando avremmo potuto essere a 4 a 2“, ha confidato ad Auto-Hebdo il francese. “Ci troviamo ad affrontare una squadra piuttosto competitiva, dunque occorre essere perfetti in tutte le aree per poter sperare di batterla. Purtroppo noi non siamo riusciti a fare i progressi che avremmo voluto. Siamo indietro a tutti i livelli”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’ex responsabile FIA per la sicurezza ha poi segnalato alcuni aspetti da migliorare. “Dobbiamo rafforzaci in alcuni tipi di curve, ma pure sotto il profilo dell’aerodinamica, della lettura delle gomme e del grip meccanico. L’interazione tra la vettura e le coperture è un altro aspetto chiave. Da questo punto di vista però siamo ancora in fase di esplorazione”, ha proseguito prima di regalare una leggera speranza ai fan del Cavallino in ottica prossimo round del calendario, ovvero il Gp del Canada.

In termini di layout, il tracciato di Montreal dovrebbe essere più adatto a noi rispetto agli ultimi due visitati. Assomiglia infatti a quelli in cui ci siamo mostrati più forti quest’anno, tuttavia dobbiamo essere prudenti, perché le cose evolvono rapidamente come abbiamo già potuto verificare“, ha concluso Mekies.

Chiara Rainis