Briatore critica la Ferrari: “Mio figlio avrebbe fatto meglio”

Flavio Briatore (©Getty Images)

Briatore critica la Ferrari: “Mio figlio avrebbe fatto meglio”

A Montecarlo la Rossa è riuscita a salire sul podio con Sebastian Vettel, aiutato perlopiù dallo scontro in pit lane tra la Mercedes di Valtteri Bottas e la Red Bull di Max Verstappen, ma di ragioni per festeggiare ne avrebbe davvero poche. Ko con Charles Leclerc, a muro e innervosito dal pasticcio delle qualifiche, la scuderia del Cavallino, nel Principato, ha raccolto molto meno di quanto avrebbe potuto e soprattutto ha regalato ancora più margine alla Mercedes ora in fuga nella classifica generale marche a 257 punti, contro i suoi 139.

Il round più glamour del calendario della F1, ha dunque confermato un team di Maranello in stato confusionale, incapace di prendere le decisioni giuste al momento opportuno, e di portare aggiornamenti utili per recuperare terreno sulle Frecce d’Argento.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Piuttosto critico con il muretto della Ferrari che, non perde l’occasione per prendere scivoloni si è mostrato Flavio Briatore, il quale, intervenuto alla trasmissione di Rai Radio 1  “Un giorno da pecora”, ha bacchettato Mattia Binotto e soci in particolare per quanto accaduto lo scorso sabato pomeriggio quando non hanno mandato fuori in tempo il monegasco costringendolo domenica a partire dalla quindicesima posizione.

“Non credo che avrei commesso un errore del genere. Ma non penso lo avrebbe fatto neppure mio figlio”, ha punzecchiato il manager piemontese. “Non so come sia stato possibile fare un sbaglio così grande. Monaco è un circuito che cambia di secondi e non di decimi. E quando c’è un deterioramento delle gomme aumenta la velocità del tracciato”.

Cronaca a parte, l’imprenditore ha segnalato quale secondo lui potrebbe essere il motivo che da tempo frena l’equipe modenese.  “Il guaio è che la SF90 non è lenta, ma che gli altri vanno più forte. C’è un problema di aerodinamica da anni. Speriamo riescano a risolverlo”.

Chiara Rainis