Omicidio-suicidio Borgarello: passione o denaro dietro la tragedia

donna brucia soldi cadavere
Carabinieri (Getty Images)

Potrebbe essere stata la gelosia o una questione economica il movente che ha spinto Enrico Lanati ad uccidere la colf 26enne Mileidy Verdial Canales, con cui potrebbe non aver avuto un rapporto solo professionale.

Emergono nuovi dettagli dalle indagini che stanno svolgendo gli inquirenti in merito all’omicidio-suicidio consumatosi a Borgarello domenica scorsa, 26 maggio. Nel sua villetta bifamiliare nel comune in provincia di Pavia, l’imprenditore 48enne Enrico Lanati ha prima ucciso la colf di 26 anni di origine cubana, Mileidy Verdial Canales, e poi si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola. Secondo quanto riportato dalla redazione de Il Giorno, tra i due sembrerebbe esserci stato non solo un rapporto professionale, ma anche sentimentale che potrebbe aver portato alla tragedia.

Omicidio-suicidio Borgarello: tra l’imprenditore e la colf forse questioni legate ai soldi

Mileidy Verdial Canales, la ragazza 26enne strangolata ed uccisa domenica scorsa a Borgarello (Pavia), sembra non essere stata solo la colf del suo assassino, l’imprenditore di San Donato Milanese Enrico Lanati. Tra i due sembra esserci stato qualcosa di più, forse una relazione sentimentale che, però, si era incrinata da qualche tempo. Questa circostanza è ancora in fase d’accertamento da parte dei carabinieri che si stanno occupando del caso e, secondo quanto riportato da Il Giorno, i due erano sposati, ma con altre persone con cui non avevano più rapporti. I militari dell’arma hanno già ascoltato la moglie di Lanati, una donna di 37 anni originaria dell’Uruguay che ha spiegato di aver interrotto da tempo la relazione con l’imprenditore e, nonostante risulti ancora residente nella villa di Borgarello, vive altrove. Gli inquirenti hanno convocato anche il marito della 26enne e anch’egli ha rivelato di non avere rapporti con la ragazza. A questa circostanza si aggiunge, secondo Il Giorno, che Mileidy Verdial Canales era tornata a Cuba dopo una prima convivenza a Borgarello, ma una volta rientrata in Italia non era tornata a vivere nella villetta di Lanati, forse perché il rapporto con l’uomo si era incrinato, probabilmente per una questione legata ai soldi. La gelosia o questioni economiche sono, dunque, le piste più accreditate che starebbero seguendo gli inquirenti impegnati nelle indagini sul caso.

Leggi anche —> Il terribile gesto di un imprenditore: vittima una giovane ragazza