Il terribile gesto di un imprenditore: vittima una giovane ragazza

Carabinieri (foto dal web)

Un imprenditore 48enne avrebbe ucciso la colf di 26 anni di origine cubana e poi si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola a Borgarello, comune in provincia di Pavia.

Un omicidio-suicidio si è consumato alle prime luci dell’alba di ieri, domenica 26 maggio, a Borgarello, piccolo comune in provincia di Pavia. Secondo una prima ricostruzione, Enrico Lanati, imprenditore di San Donato Milanese 48enne, avrebbe strangolato ed ucciso la colf cubana di 26 anni che lavorava nella sua villa bifamiliare, Mileidy Verdial Canales, poi dopo essersi recato nelle campagne circostanti si è tolto la vita sparandosi con un colpo di pistola. All’arrivo dei soccorsi, allertati da un parente giunto presso la proprietà dell’imprenditore, per entrambi non c’è stato più nulla da fare ed i sanitari hanno potuto solo constatarne il decesso.

Imprenditore uccide la colf 26enne e poi si suicida: indagano i carabinieri

Un imprenditore di San Donato Milanese (Milano), Enrico Lanati avrebbe prima ucciso la colf di 26 anni e poi si è tolto la vita. Teatro dell’omicidio sarebbe stata una villetta bifamiliare in via Leonardo da Vinci a Borgarello (Pavia), dove l’imprenditore si sarebbe trasferito circa un anno fa. Secondo quanto riportato da Milano Today, da una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti pare che il 48enne abbia strangolato la giovane di origine cubana Mileidy Verdial Canales dentro casa, poi si sarebbe recato nelle campagne circostanti e con un colpo di pistola si è tolto la vita. A fare la terribile scoperta sarebbe stato un parente della vittima che non riuscendo a rintracciare la 26enne si è precipitato presso la villetta e, dopo essersi introdotto in casa, ha trovato il corpo senza vita di Mileidy in camera da letto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che dopo alcune ore hanno rinvenuto lo scooter ed il cadavere di Lanati nelle campagne circostanti. I militari dell’Arma stanno adesso indagando per ricostruire la dinamica dell’accaduto e accertare i motivi di un simile gesto. Da chiarire anche se tra i due vi fosse solo un rapporto tra colf e datore di lavoro. Pare, inoltre, che la villetta fosse spesso utilizzata per feste con musica ad alto volume.

Leggi anche —> Cusano Milanino, lite tra rivali in amore finisce in tragedia: accoltellato 42enne