Stalker appicca incendio alla casa della sua vittima, ma arriva la sorpresa

stalker incendio
Stalker appicca incendio alla casa della sua vittima, che però non abitava più lì da tempo – FOTO: tuttomotoriweb

I carabinieri sono intervenuti per arrestare uno stalker responsabile di un incendio alla casa di una donna di cui si era invaghito. Ma lei non abitava più lì.

Uno stalker ha appiccato il fuoco a quella che credeva essere la casa di una donna che aveva frequentato in passato. Il maniaco però non era a conoscenza del fatto che nell’abitazione non ci fosse più la persona di sua conoscenza. Ora infatti vi risiedeva una giovane di 25 anni. E per fortuna l’ignara vittima di questa assurda storia se l’è cavata solamente con un principio di intossicazione, perché avrebbe potuto riscontrare conseguenze ben più serie. L’autore di questa follia è un 55enne di Busto Arsizio, che nella popolosa cittadina in provincia di Varese ha messo in atto il suo piano pazzesco. Lo stalker si era nascosto tra le siepi antistanti l’abitazione, aspettando che la strada fosse deserta. Poi, munito di giornali e di liquido infiammabile, ha fatto scatenare un incendio a porte e finestre della casa di quella donna che aveva frequentato per un pò di tempo. Ma che poi ha scelto di non uscire più con lui, scatenando in quest’ultimo un vero e proprio raptus ossessivo.

LEGGI ANCHE –> Ancona, si è spento il famoso Stefano Messina “il re della fotografia”

Stalker senza freni, tormentava la sua vittima in ogni modo

I carabinieri di Busto Arsizio hanno condotto una indagine, conclusa abbastanza presto con il ritrovamento del pericoloso stalker. Questi è stato rintracciato ed ora il tribunale ha emesso nei suoi confronti il luogo a procedere con una esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere. Le accuse imputate al 55enne sono di stalking, incendio doloso e minacce. Nei confronti del bersaglio del pazzo erano già avvenuti episodi simili, con spazzatura bruciata, telefonate indesiderate che arrivavano in piena notte ed adescamenti all’ingresso della porta per poter ‘parlare’.

LEGGI ANCHE –> Cane in chiesa, tutti commossi al funerale del padrone: “Ma il prete l’ha cacciato”

Senza contare le centinaia di messaggi spesso a carattere minatorio che hanno portato la donna a soffrire di attacchi di ansia. Tutto per colpa di una breve frequentazione che si era conclusa sul finire dello scorso mese di marzo. Poi sono cominciate le persecuzioni e la donna non ne ha potuto più. Così ha scelto di cambiare casa traslocando e facendo in modo che quell’essere invadente non lo arrivasse a sapere. La vicenda è avvenuta tra il 16 ed il 17 maggio scorsi, quando ormai c’era in quella dimora la nuova inquilina, del tutto estranea a questo assurdo fatto di cronaca.

LEGGI ANCHE –> Domenica In, Maria De Filippi furiosa con la Rai: “Scelta antipatica” – VIDEO