Max Verstappen ed Helmut Marko (©Getty Images)

F1 | Marko choc: “Hamilton? Graziato per l’omaggio a Lauda”

Era un suo amico eppure il sempre pungente e a tratti cinico Helmut Marko non ha risparmiato nemmeno Niki Lauda proprio nel giorno in cui la F1 lo ha voluto omaggiare con un minuto di silenzio.

Certo non c’è stato alcun attacco frontale o diretto a lui come persona, ma è stato tirato in ballo nel tentativo di criticare Lewis Hamilton vincitore del GP di Montecarlo, o meglio i commissari che non lo hanno penalizzato.

Le ragioni dell’attacco – Al termine del round di Monaco il talent scout della Red Bull ha espresso un certo disappunto per l’atteggiamento un po’ troppo permissivo tenuto dalla direzione gara con i due driver della Mercedes, entrati entrambi in collisione con Verstappen in fasi differenti: con Bottas, in pit lane, scontro costato poi il podio all’olandese, successivamente in pista  con il britannico, in lotta sul finale con il #33.

Valtteri era dietro e avrebbe potuto lasciare spazio, invece abbiamo ricevuto una penalità di cinque secondi, in seguito Lewis ha bloccato tutti, sapendo che Max sarebbe finito indietro. La cosa positiva è che la velocità di entrambi i piloti è stata ottima, anche se questo non ci aiuta molto” , ha puntato il dito parlando alla tv austriaca ORF.

In ogni caso se c’era qualcuno che doveva essere penalizzato quello è Hamilton perché nel duello con il nostro pilota dopo il tunnel ha chiuso sulla sinistra. Ciò nonostante, per via del casco rosso che indossava hanno chiuso un occhio“, ha rilanciato insinuando un favoritismo dei vertici del Circus verso la scuderia Stoccarda per avere una dedica al campione viennese appena scomparso.

Max ci ha provato, ma era troppo tardi. Peccato, perché avremmo avuto lo spunto per farlo, basta vedere i tempi di Gasly. Ma a Monaco è incredibilmente complicato superare“, ha concluso.

Chiara Rainis