Cane in chiesa, tutti commossi al funerale del padrone: “Ma il prete l’ha cacciato”

cane in chiesa funerale
Niente cane in chiesa, il prete vieta al povero Pavel di stare accanto al suo padrone defunto – FOTO

La presenza di un cane in chiesa non è stata gradita dal prete che stava officiando il funerale del suo padrone. L’animale ha guaito dal dolore per tutto il tempo.

Un cane in chiesa per seguire per l’ultima volta il suo padrone ha suscitato la rabbia di un prete. Il fatto è avvenuto a Torino, dove l’uomo di chiesa non ha permesso al povero Pavel, un Labrador ormai in età avanzata, di stare vicino alla bara del signor Giorgio, il suo migliore amico umano. Si stavano celebrando i funerali di quest’ultimo, ma don Frassati, questa l’identità del prete, ha affermato che la chiesa è sua e che è lui a decidere chi può entrare e chi no. “In chiesa gli animali non possono entrare, pure San Francesco lo sapeva“. Ma non sono mancati i fedeli che gli hanno ribadito come la chiesa in realtà è la casa di Dio, e non di don Frassati. E che dovrebbe essere aperta a tutti, persone e non. Fatto sta che il cane in chiesa non ci è entrato, e che è dovuto starsene sul sagrato.

LEGGI ANCHE –> Elena Santarelli, quel no al marito Bernardo Corradi per ‘Ballando con le Stelle’

Cane in chiesa, è polemica per l’ostilità del prete

Non è mancato neppure chi ha inventato l’assurda scusa di essere allergico al pelo dei cani pur di non vedere Pavel lì. E quel tenero quattrozampe ha fatto commuovere tutti con i suoi guaiti che esprimevano una sofferenza ed un dolore sinceri per la dipartita del signor Giorgio. Della cosa si è parlata anche sui social network, ed una parente del caro estinto ha espresso tutta la propria rabbia per come è stato trattato Pavel. “Vorrà dire che la busta con l’offerta che tradizionalmente viene destinata al parroco andrà invece agli animali bisognosi. I cani e gatti della città ringraziano sentitamente”.

LEGGI ANCHE –> Diletta Leotta, il top aderente esplode: “Che esagerata” – FOTO e VIDEO