ospedale Roma
Policlinico Gemelli di Roma (foto dal web)

Un 32enne si è tolto la vita lanciandosi da un edificio vicino il Policlinico Gemelli di Roma, dove due mesi fa era deceduta la fidanzata a causa di un tumore all’utero.

Un uomo di 32 anni si è tolto la vita lanciandosi nel vuoto da un edificio vicino il Policlinico Gemelli di Roma. Il 32enne avrebbe compiuto l’estremo gesto a due mesi di distanza dalla morte della fidanzata di 30 anni, scomparsa per un tumore proprio nella struttura ospedaliera della Capitale. Il giovane non è riuscito a superare il dolore per la grave perdita e così ha deciso di togliersi la vita lasciando un biglietto in cui confessa di voler stare al fianco della sua compagna.

La fidanzata muore di tumore, lui si lancia nel vuoto da un edificio: “Ti amo, ti sto per raggiungere”

Una vicenda drammatica si è consumata a Roma giovedì scorso. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Tempo, un uomo di 32 anni non è riuscita a superare la perdita della fidanzata, con cui stava insieme da 6 anni, e si è tolto la vita. A stroncare la vita della ragazza di 30 anni è stato un tumore all’utero ed il suo cuore ha smesso di battere all’ospedale Policlinico Gemelli di Roma, dove si trovava ricoverata. Un dolore troppo grande che ha strappato via un amore durato 6 anni, documentato dalle numerose foto sui social, dalla voglia di sconfiggere insieme il male per andare avanti con l’intento magari di costruire una famiglia. La ragazza non è riuscita, nonostante le cure dei medici, a sconfiggere il brutto male ed a due mesi dalla sua scomparsa, il fidanzato ha gettato la spugna e ha deciso di farla finita, così si è recato in un edificio accanto al nosocomio e si è lanciato nel vuoto lasciando un biglietto in cui spiega di voler stare accanto alla sua compagna: “Ti amo, ti sto per raggiungere”. Dopo un volo di diversi metri il 32enne è stato ritrovato in terra, ma quando sono arrivati immediatamente i soccorsi, purtroppo non c’era più nulla da fare. Adesso la Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo ed è stata disposta l’autopsia sulla salma del giovane che si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Leggi anche —> Bambino disabile lasciato solo a scuola: l’incredibile vicenda