Pol Espargarò
Getty Images

MotoGP, Pol Espargarò: “Valentino non riusciva a scappare”

Pol Espargaró è fiducioso per le prossime gare dopo il sesto posto di Le Mans. “Abbiamo dimostrato che il telaio in acciaio e le sospensioni WP sono competitivi”, ha detto lo spagnolo della KTM. Da tempo la casa austriaca riceve critiche per il suo ritardo a causa di alcune componenti inedite, ma non ha mai pensato di fare dietrofront. Le tecnologie impiegate in MotoGP vengono ereditate sulle moto di serie e il marchio WP è di sua proprietà. Non solo puntare in alto, ma anche a dare prestigio alla sua esclusività nel mondo. Questi gli obiettivi a medio termine di Mattighofen, ma prima bisogna eccellere nel campionato del mondo.

In Francia Pol Espargarò è stato l’unico dei quattro piloti KTM a utilizzare una RC16 con tutti i nuovi componenti. Si tratta di un forcellone più lungo (in carbonio), un angolo di sterzo modificato e nuove parti del motore che migliorano la guidabilità e l’erogazione di potenza. Adesso servirà un po’ di tempo per la produzione dei nuovi elementi che passeranno in primis a Johann Zarco e successivamente anche a Miguel Oliveira. “Ora stiamo facendo un uso migliore dei punti di forza. Ora vedo che gli avversari non sono dei, hanno solo moto competitive”.

Pol Espargaró non ha conquistato il podio in tre anni di Moto3, ma era già sesto nella Coppa del Mondo 2015. Tuttavia, la Yamaha non ha mai avuto fiducia in lui per un posto nel team ufficiale, quindi si è trasferito a KTM per la stagione 2017. Nel frattempo, ha guadagnato molto rispetto nel campo della MotoGP e il 6° posto di Le Mans lascia ben sperare. “È stato bello vedere che ero in grado di lottare con molte stelle al quinto Gran Premio. Valentino Rossi ha davvero spinto e non è mai riuscito a scappare da me nella gara di Le Mans”, ha detto Pol. “In soli 27 giri mi ha solo distanziato di 2,9 secondi. Anche HRC e Marc potevano solo scrollarci di dosso per poco più di cinque secondi. È semplicemente mozzafiato. Ora sappiamo che possiamo combattere con il meglio quando abbiamo un buon fine settimana come Le Mans. Dobbiamo ancora migliorare alcune cose. Se riusciamo a farlo, possiamo lottare per il podio, anche su altre piste. Allo stesso tempo, dobbiamo restare con i piedi per terra”.